Come proteggere i cani dai botti di Capodanno?

I botti di Capodanno sono un vero cruccio per chi possiede un cane, spesso preda della paura e dell’angoscia. Petardi, micette, fuochi d’artificio esplosi tutti in contemporanea creano angoscia e terrore in moltissimi quadrupedi e non sempre è facile tranquillizzarli. Il problema nasce dall’impossibilità del cane nel comprendere l’origine del rumore. Non potendo individuare la vera fonte non riesce a capire la motivazione, né da dove scaturisca.

In questi casi è bene chiedere consiglio al veterinario, il quale potrà fornire rimedi omeopatici e rilassanti. Ma nel caso non funzionassero, organizzate la casa in funzione della notte dedicata ai botti. Per prima cosa create uno spazio simile a una piccola tana, un piccolo riparo. Magari identificabile con un trasportino imbottito con cuscino e privo di coperchio per rendere l’ingresso più agibile. Uno spazio da mettere subito a disposizione, dentro il quale il cane possa riposare per un pisolino prima del grande giorno.

I botti risultano davvero un problema, spesso spaventano il cane in modo preoccupante causandone il terrore puro. È indispensabile rimanere in casa, così da evitare fughe improvvise o ferimenti da stress. Evitate di legarlo e se dorme all’esterno constatate lo spazio sia protetto e sicuro e la rete di recinzione invalicabile. All’interno dello spazio casalingo siate il suo punto di riferimento, senza proteggerlo eccessivamente ma piuttosto sdrammatizzando.

Fate in modo che la sua attenzione sia catturata da un gioco, da una pietanza saporita che magari non mangerà ma lo aiuterà a svagarsi. Parlate con lui e cercate di essere positivi e allegri. Lasciate libero accesso ai suoi giochi e alla cuccia, quindi istruite ospiti e bambini così da ignorarlo e permettervi di avere l’unico controllo. E se proprio non potete rimanere con lui, fate in modo che le luci della casa rimangano accese, evitate ci siano oggetti pericolosi e concedetegli lo spazio di muoversi all’interno di due stanze comunicanti. I botti finiranno abbastanza rapidamente, ma meno il cane si sentirà oppresso più assocerà il vostro atteggiamento positivo all’evento.

27 dicembre 2012
Lascia un commento