Cani, gatti e chili di troppo: un binomio spesso presente che può mettere a rischio la salute dell’animale. Secondo uno studio recente, circa il 48% dei cani e il 55% dei gatti che vivono in Italia risulterebbe in sovrappeso. I dati di questa statistica sono il risultato di una ricerca che prende il nome di “Il Sovrappeso: la malattia del secolo”, condotto dal Hill’s Pet Nutrition Italia. I diecimila animali di affezione coinvolti, 72% cani e 37% gatti, sono stati osservati e visitati tra aprile e maggio 2015 in 607 strutture veterinarie. Le cause principali che possono favorire un aumento di peso sono riconducibili alla sovralimentazione, alla sterilizzazione, all’età che rallenta il metabolismo e allo stile di vita. Ad esempio, un animale meno propenso al movimento e alle attività ludiche tenderà a ingrassare.

Per evitare che cani e gatti di casa ingrassino troppo, è importante seguire alcune regole fondamentali, come quelle suggerite dal veterinario Danilo Bellucci. Ad esempio, se l’animale è in sovrappeso, potrebbe risultare utile chiedere consiglio al veterinario di fiducia, che illustrerà l’alimentazione più adatta per dimagrire in base all’età e alla razza. Sconsigliati i bocconcini fuori pasto, le crocchette come ricompensa e vietati i cibi cucinati per il consumo umano, spesso troppo conditi e quindi non adatti al fisico del cane e del gatto. È importante prestare attenzione ai quantitativi di cibo forniti nella ciotola, mai eccessivi e sempre adeguati all’amico di casa. Quindi al numero di pasti da effettuare che dovranno limitarsi a uno massimo due al giorno.

Secondo il veterinario, le crocchette potrebbero risultare più indicate perché garantiscono un senso di sazietà maggiore, aggiungendo per il cane altri cibi semplici e utili a completare il pasto, come verdure e cereali. Accanto alla ciotola del cibo non dovrà mai mancare quella dell’acqua, sempre fresca e importante per il suo benessere. Senza dimenticare un po’ di attività fisica, fondamentale per mantenere in forma l’amico di casa.

24 giugno 2016
Fonte:
Lascia un commento