Affrontare il caldo a tavola con i consigli del Ministero della Salute. Dal dicastero guidato da Renato Balduzzi in arrivo un decalogo per contrastare le eccezionali ondate di calore di queste settimane, ricorrendo ad un’alimentazione sana ricca di frutta e verdura. Dieci consigli contenuti nella guida ministeriale “E…state Ok con la nutrizione”, utili a sopportare in maniera meno gravosa le temperature spesso ben oltre i 30 gradi.

Il primo consiglio del Ministero della Salute contro il caldo fa riferimento all’importanza di mantenere costante il numero dei pasti evitando con attenzione di saltare la colazione, ritenuta la fonte di alimentazione più importante della giornata. Va poi aumentato il consumo di frutta e verdura di stagione oltre che di yogurt (purché senza zuccheri aggiunti). Importante anche il ricorso alla frutta secca, ricca di grassi “buoni”, anche se con moderazione visto l’elevato apporto calorico.

Alternare i colori degli alimenti portati in tavola, poiché con il variare delle cromaticità si avvicendano anche le proprietà e gli elementi benefici contenuti come vitamine e polifenoli. Importante cercare di ridurre al minimo il consumo di cibi grassi e privilegiare piatti freschi e facilmente digeribili, ricordandosi anche di concludere ogni pasto con della frutta.

Specialmente in vacanza evitare pasti completi composti da primo, secondo e contorno, privilegiando al contrario piatti unici come ad esempio pasta con legumi e verdure o secondi accompagnati da un contorno di verdure di stagione. Limitare l’uso di sale, ricorrendo quando possibile a quello iodato (da evitare però in caso di patologie legate alla tiroide) o iposodico. La dose massima consigliata al giorno è fissata sui 5 grammi.

Conservare gli alimenti rispettando la catena del freddo e le modalità previste per il singolo prodotto, evitando un’eccessiva permanenza in frigorifero, causa di una perdita a lungo andare di elementi nutritivi utili per l’organismo. In ultimo, ma non meno importante, bere almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno per garantire un’adeguata idratazione. Importante anche limitare al minimo il consumo di bevande con l’aggiunta di zuccheri e quelle alcoliche.

6 luglio 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento