È possibile combattere le emorroidi con un’alimentazione specifica che favorisca il transito intestinale e che aiuti anche a prevenire la stitichezza, sostituendo prevalentemente gli alimenti nocivi per questo tipo di malessere. Ecco dunque una guida che spiega chiaramente cosa sia preferibile mangiare e cosa, invece, evitare.

Cosa sono le emorroidi

Le emorroidi sono dilatazioni varicose delle vene dell’ano e del retto e possono essere di due tipi, ovvero interne o esterne. Si tratta purtroppo di un disturbo diffuso in tutto il mondo, che interessa soprattutto gli uomini adulti, e si accompagna a sintomi comuni quali prurito, ragadi, proctiti, sanguinamento, eczemi e dolore durante l’espulsione delle feci. Possono derivare da fattori costituzionali oppure ambientali, come ad esempio una dieta povera di fibre, eccessiva e disordinata.

Come fare la dieta

Healthy eating breakfast low calories bowl of swiss muesli with fruits and milk

Healthy eating breakfast low calories bowl of swiss muesli with fruits and milk via Shutterstock

Una giusta alimentazione e un corretto stile di vita possono fare davvero molto per combattere le emorroidi, dunque è bene individuare cosa si possa o meno mangiare. Di seguito gli alimenti consigliati:

  • prediligere alimenti ricchi di fibre, ovvero frutta, verdura e crusca, ma anche yogurt magro, barbabietola rossa, castagne, porro, avena;
  • succhi di frutta, preferibilmente alla ciliegia, more e mirtilli, di cui se ne dovrebbe bere almeno un bicchiere al giorno poiché utilissimi contro le emorroidi;
  • alimenti ricchi di ferro tra cui il melone, il fegato di pollo, il grancio al vapore, prugne secche, albicocche secche, semi di girasole, patate al forno, uvetta, broccoli lessi, pistacchi, anacardi, mandorle, tonno e fave;
  • zenzero, aglio e cipolla per insaporire i cibi;
  • olio di oliva, olio di semi di lino e aceto di miele per condire insalata, zuppe e altri piatti;
Crisp bread with various savory toppings

Crisp bread with various savory toppings via Shutterstock

Si consigliano soprattutto le ricette semplici e leggere, facendo attenzione anche al tipo di cottura da scegliere: consentiti dunque i cibi cotti a vapore, a forno oppure bolliti, mentre è meglio evitare la frittura e le portate troppo pesanti e grasse.

Gli alimenti da evitare per combattere le emorroidi sono invece genericamente quelli che favoriscono la stitichezza, tra cui quelli a basso contenuto di fibre:

  • cereali raffinati come pasta, riso e pane bianco;
  • prodotti da forno non integrali, come ad esempio gli snack, le merendine e le torte da forno;
  • cibi piccanti, in particolare il peperoncino può peggiorare le emorroidi;
  • caffè, bevande alcoliche o gassate perché irritanti;
  • meglio limitare molto l’uso di aceto, cibi eccessivamente ricchi di sale, grassi o fritti;
  • mangiare solo ogni tanto crostacei, cacao, formaggi stagionati o fermentati, sottaceti e tartufi.
sandwich with fresh vegetables and cold chicken

sandwich with fresh vegetables and cold chicken via Shutterstock

Non è tuttavia indispensabile escluderli del tutto dalla propria dieta, basta usarli solo occasionalmente e in quantità molto ridotte. Inoltre vi sono degli alimenti-jolly che contribuiscono a evitare il sanguinamento emorroidale: l’erba Alfalfa, la melassa Blackstrap, i semi di lino e i vegetali a foglia verde.

Com’è possibile notare, non è così difficile seguire un’alimentazione perfetta contro le emorroidi, anche se vi è da sottolineare come sia meglio non seguire una dieta solo ricca di frutti e di verdure – ovvero delle fibre – perché in alcuni soggetti può comportare stitichezza mentre in altri causa attacchi di diarrea, entrambe situazioni che peggiorano le emorroidi. Una volta modificata l’alimentazione attraverso tali suggerimenti, senza dimenticare di migliorare il proprio stile di vita in generale, sarà possibile iniziare a vedere i primi risultati in poco tempo, soprattutto relativamente alle emorroidi di primo grado (interne). Sono disponibili inoltre alcuni rimedi naturali che aiutano chi soffre di emorroidi.

17 giugno 2014
Lascia un commento