L’educazione del vostro cane è composta da una serie di comandi che dovrete impartire, in modo da insegnargli la giusta via comportamentale. Il modo migliore, come sempre, passa attraverso il gioco e il premio per non stancare il nostro amico e attirare la sua attenzione. Per ottenere un feedback corretto è importante che il nostro atteggiamento appaia deciso, costante, coerente e soprattutto paziente.

La necessità di educare e correggere il comportamento del nostro cane gli permetterà una crescita corretta, serena ed equilibrata. Tra i comandi fondamentali possiamo individuare: “no” e “basta”. Il primo possiede un ruolo fondamentale perché ferma eventuali atteggiamenti errati, dissuadendo il nostro amico dallo sbaglio e dall’errore. Il comando inibisce una deriva comportamentale che potrebbe diventare un’abitudine scorretta.

È indispensabile dire “no” solo nell’attimo dell’errore, senza anticipare o ritardare il comando. Quindi guardando l’animale negli occhi e parlando solo per eseguire l’ordine. Appena il cane interromperà l’atteggiamento sbagliato lo si premierà con una carezza, un croccantino, elogiandolo con un “bravo“. Per far rispettare il comando è importante dimostrare costanza, quindi se alcune zone della casa gli saranno interdette non dovrà ricevere sconti e concessioni. Un’eventuale modifica del nostro atteggiamento potrà solo confonderlo.

Il comando del “basta”, invece, diventa importante quando il nostro amico non limita le richieste. Il cane di solito tende ad insistere in modo eccessivo, in particolare con il cibo. Per questo motivo, per arginare eventuali esagerazioni, è giusto tracciare un confine. Perché lui capisca chiudete a pugno nella mano un po’ di croccantini, quindi con un richiamo fate in modo che lui si interessi al tutto. Complimentatevi appena si avvicinerà, quindi dategli un pò di croccantini. Mostrategli il pugno e appena si interesserà aprite la mano e dategli un solo croccantino.

Ripetete l’operazione varie volte, anche con l’altra mano, consentendo al cane di chiedervi di aprire il pugno e prendere il croccantino. A questo punto alternate i pugni vuoti, aprendoli appena lo richiederà con il muso, e mostrando la mano nuda. Fissandolo negli occhi pronunciate la parola “basta“, la quale sarà il comando che adotterete in futuro per rifiutare una sua insistenza. Il tono dovrà essere invitante, risoluto ma non aggressivo e il contatto visivo dovrà avvenire solo nel momento del comando. Dovrete quindi ripeterlo fino a quando lo assimilerà, per poi allontanarvi. Il gesto del pugno chiuso-aperto e vuoto sarà il comando da ripetere ogni volta che dovrete dire basta. Sarà un comportamento rapido, guardando il cane, e senza attendere una sua reazione dovrete riprendere le vostre faccende non curandovi più di lui.

24 agosto 2012
Lascia un commento