La colite è un’infiammazione a carico del colon che interessa circa il 15% degli italiani. Si tratta di un disturbo del tratto digerente, in alcuni casi specifici indicata come sindrome del colon irritabile, che si caratterizza per spasmi addominali, crampi, gonfiore all’addome, flatulenza e possibile manifestazione di diarrea alternata a momenti di stipsi.

All’origine della colite o sindrome del colon irritabile vi è in molti casi la difficoltà o totale incapacità a digerire in maniera ottimale alcune tipologie di cibo. In alcuni casi quale fattore di rischio per tale disturbo figura anche lo stress, mentre alla sua origine possono trovarsi una dieta sbagliata, l’alterazione della flora batterica intestinale, effetti indesiderati del ciclo mestruale o un’infezione cronica del tratto intestinale.

Rimedi naturali

Alcuni dei rimedi naturali più consigliati in caso di colite sono le tisane realizzate a base di malva, menta, semi di finocchio e camomilla.

Nello specifico la tisana alla malva agisce come decongestionante, lenitivo e antinfiammatorio, mentre quella alla menta aiuta a velocizzare il processo digestivo e agisce come spasmolitico naturale. Efficace contro gli spasmi intestinali e il rilassamento della muscolatura è anche l’infuso di camomilla, mentre l’azione carminativa e digestiva offerta dai semi di finocchio riduce il gonfiore e il rischio di flatulenza.

Nei momenti di dolore acuto è inoltre possibile ricorrere alla borsa dell’acqua calda o a un bagno caldo, così da favorire il naturale rilassamento dei muscoli addominali e quindi un’attenuazione della sintomatologia dolorosa. Utile infine ridurre i livelli di stress, azione possibile grazie alla pratica di esercizi Yoga, di respirazione zen o di meditazione.

Alimentazione

È tuttavia l’alimentazione a ricoprire uno dei ruoli più importanti nel combattere la colite. Innanzitutto individuando in maniera tempestiva eventuali intolleranze o allergie alimentari e riducendo l’assunzione di quei cibi che possono intensificare l’irritazione del tratto intestinale.

Sono quindi da evitare le bevande alcoliche e il caffè, la carne rossa, i formaggi, gli insaccati e in generale i cibi confezionati. Meglio evitare anche gli alimenti che contengono lieviti o le verdure che tendono a fermentare una volta nell’intestino (ad esempio broccoli, e verdure crocifere in generale). Meglio tenersi alla larga anche da legumi con buccia, frutta secca col guscio e spezie, mentre è da ridurre l’apporto di fibre durante la fase acuta.

I cibi che sono invece ben tollerati in caso di colite sono le verdure che non “fermentano” una volta nel tratto intestinale, le patate bollite o al forno (non fritte) condite con un filo d’olio extravergine d’oliva e sale, la frutta non acida e pesce magro.

16 ottobre 2015
I vostri commenti
Francesco , giovedì 27 ottobre 2016 alle18:04 ha scritto: rispondi »

soffro di Colon Irritabile e da qualche mese e diventato un vero calvario , chi mi puo' dare qualche consiglio e un sollievo imminente , Grazie

Pascal, martedì 11 ottobre 2016 alle19:48 ha scritto: rispondi »

Soffro di colite spastica

Lascia un commento