Arrivano delle nuove regole che riguardano il colesterolo, con quello cattivo dovrebbe rimanere sempre al di sotto della soglia di 100 mg/dl. A dettare questa necessità è stato il professor Alberico Catapano dell’Università di Milano. Le nuove disposizioni sono state comunicate in occasione del XI congresso della Società Italiana di Terapia clinica e sperimentale e del congresso regionale della Società Italiana per lo Studio dell’Aterosclerosi.

Le nuove indicazioni che sembrerebbero andare in senso contrario rispetto a quanto era stato stabilito dalla Società Europea di Cardiologia. L’ente aveva detto che era conveniente restare sotto i 100 mg/dl soltanto per i soggetti esposti ad un alto rischio, ma la ricerca scientifica sembra andare in un’altra direzione. Il professor Catapano ha spiegato che sarebbe opportuno scendere a valori anche più bassi di 50 mg/dl per ricavare dei benefici importanti a livello cardiovascolare.

=> Scopri perché stare seduti 20 minuti in meno migliora salute e livelli colesterolo

Sono stati svolti vari studi che confermano la necessità di scendere a valori sempre più bassi di colesterolo LDL. Una ricerca su questo argomento è stata svolta coinvolgendo 25 mila persone tra il 2013 e il 2015. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Lancet nel 2017.

=> Scopri i benefici della dieta vegetariana per il colesterolo

Inoltre gli esperti spiegano che non serve nemmeno aumentare i livelli di colesterolo “buono”. Secondo gli ultimi dati che arrivano dalla ricerca scientifica l’HDL sarebbe da considerare una sorta di indicatore neutro. Proprio per questo motivo aumentarne i livelli non consentirebbe di riscontrare benefici pratici.

Le osservazioni che puntano in direzione dei vantaggi ricavabili dal colesterolo buono (HDL) secondo il professor Catapano non terrebbero conto di altri fattori che influiscono sul processo, primo fra tutti il seguire un’alimentazione corretta e bilanciata.

20 ottobre 2017
Lascia un commento