Un broccolo speciale potrebbe aiutare a ridurre i livelli di colesterolo LDL. A dimostrarlo è uno studio dell’Institute of Food Research di Norwich, Regno Unito.

Il super-broccolo, ribattezzato Beneforte, potrebbe ridurre i livelli di colesterolo LDL, considerati grassi cattivi, di circa il 6%. Questo grazie alla presenza maggiorata di glucorafanina, un glucosinolato presente nei broccoli e cavolfiori, in particolare nei germogli.

Questa sostanza è molto importante per il nostro benessere, perché aiuta il corpo a ripristinare il metabolismo cellulare e a trasformare il cibo in energia. Un malfunzionamento dei mitocondri, o un loro sovraccarico, inficia il processo di trasformazione di zuccheri e grassi: questo porta a incanalare colesterolo in eccesso.

Quando spezziamo i broccoli, ad esempio durante la masticazione, la glucorafanina entra in contatto con un enzima chiamato mirosinasi e viene convertita in sulforafano, efficace nella prevenzione e cura di numerose patologie come il cancro e l’artrite.

Il sulforafano attiva dei geni specifici che rispondono ad un segnale di allarme del nostro corpo: così riequilibra il metabolismo e riduce la produzione di colesterolo LDL. Il super-broccolo Beneforte produrrebbe quantità molto maggiori di glucorafanina aumentando questo effetto benefico.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition and Food Research è una sintesi di due studi indipendenti in cui sono stati analizzati i dati fisici di 130 volontari, sottoposti ad una dieta a base di broccoli per 12 settimane.

Ogni soggetto ha assunto almeno 400 grammi al giorno di broccoli: dopo le 12 settimane, i ricercatori hanno rilevato una diminuzione del colesterolo LDL del 6% in media.

Lo studio dell’Institute of Food Research non è il primo a mettere in evidenza i benefici della glucorafanina presente nei broccoli. Tempo addietro, diverse ricerche hanno dimostrato che una riduzione dell’1% del colesterolo LDL è associata a una riduzione del rischio di malattie coronariche pari all’1-2%. Il merito sarebbe proprio dell’elevato contenuto di glucorafanina, che aiuta a risintonizzare il metabolismo cellulare.

9 aprile 2015
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento