Colazione: chi la fa è più magro secondo studio USA

L’importanza della colazione nell’ambito di un’alimentazione sana che può apportare molti vantaggi alla salute si dimostra ancora una volta fondamentale. Uno studio condotto negli Stati Uniti ha rivelato che chi fa colazione ogni mattina è più magro e ha meno probabilità di aumentare di peso nel corso del tempo.

Gli esperti della Mayo Clinic confermano quanto sia essenziale il primo pasto del mattino anche per restare in salute. Non dobbiamo dimenticare che proprio il sovrappeso nel tempo può essere la causa di diverse patologie, come il diabete o le malattie cardiovascolari.

=> Leggi di più sui benefici della colazione per perdere peso

Nello studio gli scienziati hanno coinvolto 350 adulti. Hanno scoperto che coloro che facevano colazione ogni mattina avevano in generale il girovita più piccolo e nel corso di 10 anni guadagnavano meno grasso a livello addominale.

Secondo gli scienziati questo effetto sarebbe possibile perché nella colazione si tende a mangiare più cereali integrali e frutta e questi alimenti consentono di avere un impatto meno gravoso nell’aumento del peso corporeo. Le abitudini alimentari influiscono in modo molto significativo sul rischio di obesità.

=> Scopri perché la pizza è indicata come salutare a colazione

Secondo il dottor Virend Somers, uno dei principali autori della ricerca, l’elemento più preoccupante è costituito dal fatto che coloro che saltano regolarmente la colazione sembrano ingrassare di più proprio nella pancia. Il grasso addominale è molto pericoloso per la salute, perché produce delle tossine che danneggiano i vasi sanguigni.

Inoltre un’altra ricerca condotta dagli esperti delle Università di Bath e Nottingham ha messo in evidenza sempre sulla stessa scia che la colazione potrebbe aiutare a regolare il livello di insulina, evitando che il corpo produca grasso in eccesso. Non è da sottovalutare che facendo colazione si possa contare su una riserva di energia mattutina, che spinge a mangiare di meno nel corso della giornata.

26 aprile 2018
Lascia un commento