Climatizzazione: Q temp, sensore climatico per interni ed esterni

Gestire al meglio la climatizzazione e il riscaldamento degli ambienti passa per una piena conoscenza delle informazioni necessarie. Questo è il punto chiave secondo QUNDIS, azienda impegnata nella produzione di sistemi AMR, contatori di calore e acqua, ripartitori di calore e smart meter gateways, che sta per lanciare in Italia il sensore climatico per interni ed esterni “Q temp”.

L’obiettivo dichiarato di Q temp è quello di supportare climatizzazione e riscaldamento fornendo tutte le informazioni utili a ottimizzarne e monitorarne le prestazioni. Il dispositivo è in grado, spiega QUNDIS, di memorizzare i cicli di riscaldamento domestici (o di altro tipo di ambiente nel quale verrà installato) e di misurare temperature che vanno dai -10 ai 90 gradi centigradi. La frequenza di misurazione è costante, ogni 4 minuti.

=> Scopri la pellicola che favorirà la climatizzazione della casa col raffreddamento passivo

L’utilizzo risulta semplice grazie al display intuitivo, che permette non soltanto la visualizzazione della temperatura o di altri dati attuali, ma anche della temperatura media del giorno precedente e delle “minime” e “massime” raggiunte in quella data, l’esecuzione di una diagnostica in caso di errori.

=> Scopri le differenze tra climatizzatore e condizionatore

Potrà essere gestita anche la modalità di trasmissione dei dati. Come sottolinea l’azienda la lettura dei valori può essere eseguita su postazione fissa o mobile: Q temp trasmetterà parallelamente sia i telegrammi radio Walk by che i telegrammi AMR, così da permettere il monitoraggio del clima in casa anche fuori sede; le comunicazioni di Q temp sono affidate a telegrammi standard Qundis WM-bus (Wireless M-bus). Come ha dichiarato Antonello Guzzetti, Country Manager di QUNDIS in Italia:

L’efficienza energetica è strettamente collegata ad un’informazione puntuale, che si può ottenere solo attraverso delle soluzioni di monitoraggio mirate come Q temp, che offre affidabili prestazioni di controllo del proprio riscaldamento domestico. Come ripetiamo da tempo, la sensibilizzazione del consumatore è il provvedimento che richiede il minore investimento possibile se paragonato ai suoi brevi tempi di ammortamento.

9 maggio 2018
Lascia un commento