Laddove i Governi non hanno l’ampiezza di vedute necessaria per andare nella direzione che i cittadini e l’ambiente chiedono interviene la giustizia. È quello che è successo in Olanda, dove il tribunale dell’Aja ha dato ragione a 900 cittadini che, guidati dalla ONG Urgenda Foundation e da un team di avvocati, avevano intrapreso nel 2013 un’azione legale contro il loro Governo, ritenendolo responsabile di non fare abbastanza per ridurre le emissioni di CO2 e quindi per cercare forme di mitigazione del cambiamento climatico.

Questi cittadini olandesi volevano ricordare al Governo le responsabilità che avrebbe avuto riguardo alle loro condizioni di sicurezza e di salute, qualora continuando con il modello di sviluppo “business as usual” ci si fosse trovati ad affrontare problemi come lo scioglimento delle calotte glaciali, l’innalzamento del livello dei mari, la scarsità di cibo e di acqua.

L’avvocato della difesa aveva provato a sostenere che la giustizia non deve interferire con i poteri del Governo, ma il tribunale ha sentenziato che:

La protezione dei cittadini è un obbligo da parte delle istituzioni.

Ricordando poi che la comunità scientifica continua a sostenere la necessità di questo cambiamento, che anche in termini economici è giudicato da più parti come fattibile.

La risposta del tribunale è stata quindi positiva: l’Olanda dovrà tagliare del 25% le proprie emissioni rispetto al 1990, entro il 2020, un impegno meno gravoso di quello imposto dall’Unione Europea (riduzione del 40% entro il 2030), ma rispetto al quale l’Olanda non era sulla buona strada. Entusiaste le associazioni coinvolte, Marjan Minnesma, direttrice di Urgenda Foundation esprime la propria gioia:

Si tratta di un risultato epocale, siamo felicissimi. Questa sentenza conferma il fatto che i cambiamenti climatici rappresentano un problema enorme, che necessita di essere affrontato con decisione. Se i politici non sono in grado di impegnarsi, sono i giudici ad intervenire.

Mentre Faiza Oulahsen di Greenpeace Olanda parla delle prospettive future che questo giudizio comporta:

Una sentenza rivoluzionaria, che farà moltiplicare i procedimenti giudiziari in tutto il mondo. I politici che si ritroveranno a dicembre a Parigi per la conferenza mondiale sul clima COP 21 dovranno tenerne conto.

Urgenda nel frattempo ha già fatto sapere di aver provveduto a tradurre la documentazione in inglese in modo che il contagio di questa azione possa essere più facile e diffuso. In Belgio, in Norvegia e nelle Filippine sono già in corso azioni legali dello stesso tipo.

25 giugno 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento