L’Italia si è classificata penultima in Europa per le politiche ambientali secondo uno studio svolto da due associazioni non governative europee, la Transport and Environment e Carbon Market Watch. Un risultato allarmante emerso dopo la comparazione delle emissioni inquinanti dei vari stati che boccia in tutto il nostro Paese.

=> Clima e Accordo di Parigi, leggi accuse di Greenpeace all’UE

Al primo posto invece troviamo la Svezia, seguita da Germania e Francia: in queste nazioni le politiche ambientali sono perfettamente in linea con gli obiettivi dell’Accordo sul Clima di Parigi firmato nel 2015. In questa classifica così troviamo la Polonia in ultimo posto poichè continua a usare il carbone e poi, in penultima posizione assieme all’Italia, ci sono Spagna, Romania, Croazia, Repubblica Ceca, Lituania e Lettonia.

=> Riforma legge su aree protette, occasione mancata secondo Legambiente

Questo risultato per il nostro Paese va in netto contrasto con ciò che era stato deciso a Parigi nel 2015. Sebbene nel 2004 l’Italia avesse registrato una diminuzione delle emissioni totali importate e un aumento dell’energia prodotta da fonti rinnovabili, la famosa “Quarta Rivoluzione Industriale” all’insegna del green non sembra sia mai stata nemmeno iniziata.

I principali responsabili dello smog e dell’inquinamento in Italia sono i mezzi di trasporto e gli edifici: gli italiani vivono così in condizioni di rischio visto che le norme sul rispetto della qualità dell’aria vengono continuamente violate e Bruxelles è stata costretta ad aprire un contenzioso proprio con il Bel Paese su questo argomento.

Per cercare di sbloccare la situazione l’impegno dovrebbe aumentare con una riduzione al 20% entro il 2020, tanto per cominciare, cosa che molte nazioni hanno già raggiunto, ma non l’Italia. C’è ancora molto da fare quindi per poter respirare meglio e non intossicarci con lo smog.

28 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Pescespada trafitto, martedì 28 marzo 2017 alle21:17 ha scritto: rispondi »

Noi per l'ambiente facciamo l'hub del gas europeo: dicono che sarà pronto nel 2020. sembrerebbe che sia per fare un favore all'Europa. Magari l'Europa nel 2025 sarà pronta ad abbandonare le fossili, gas compreso.

Lascia un commento