Cinque isole facenti parte dall’arcipelago delle isole Soloman sono scomparse nell’Oceano Pacifico. Queste cinque isole sono state completamente sommerse dall’acqua per colpa di un aumento dei livelli del mare. Alcune di queste non erano abitate, ma altre invece sì e ben due villaggi sono stati distrutti. Questa tendenza del livello del mare ad aumentare non è finita, anzi, sembra che stia aumentando facendo così preoccupare gli scienziati.

=> Isola polinesiana in vendita, leggi i dettagli

Un nuovo studio ha scoperto che altre isole in Micronesia sono state sommerse dal mare. A condurre l’indagine è stato Patrick Nunn, professore di Geografia e Direttore Associato dell’Università della Costa del Sole nel Centro di Ricerca per la Sostenibilità dell’Australia. Parlando con la gente del posto e osservando le immagini satellitari, il professor Nunn e il suo team hanno così scoperto che diverse grandi isole erano completamente scomparse. Tra queste anche la famosa isola Nahlapenlohd.

=> Scopri Patch Garbage South Pacific, nuova isola di rifiuti nell’oceano

La scomparsa di queste isole della Micronesia, così come quelle delle Soloman, è da attribuirsi probabilmente proprio ai livelli del mare in aumento. Questa “avanzata marina” non provoca però solo una scomparsa delle isole, ma anche un’erosione: come è successo a Nahtik, che ha perso il 70% del suo territorio. Il mare che si scaglia sulle coste si impossessa della sabbia e la scarica in mare aperto provocando così la scomparsa di diverse isole. Un fenomeno che pare non sia destinato a sparire, anzi, negli anni potrebbe ancora peggiorare.

11 settembre 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento