Ieri a Parigi presso Palazzo Marigny si è svolto il Summit Francia-Italia 2015 nel quale si è parlato di ambiente e cambiamenti climatici, in vista di quelle che saranno le decisioni della COP21 di Parigi 2015.

Durante l’evento è stato firmato l’accordo tra INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) e IFREMER, l’Istituto francese di ricerca per l’esplorazione sostenibile del mare, alla presenza del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini e del ministro francese per l’Istruzione Superiore e la Ricerca Genevieve Fioraso.

L’accordo prevede lo sviluppo e la valorizzazione degli osservatori multidisciplinari sottomarini già esistenti, allo scopo di studiare gli ecosistemi e la loro biodiversità, preservarla e progettare un utilizzo sostenibile delle risorse che le profondità oceaniche offrono, riuscendo allo stesso tempo a valorizzare anche l’ambiente costiero.

I due istituti collaborano in questo ambito ormai da vent’anni e dal 2006 partecipano entrambi allo European Multidisciplinary Seafloor and water-column Observatory (EMSO) ideato a partire da una volontà della Commissione Europea e che da allora fornisce dati utili allo studio dei processi geologici, geochimici e geofisici, oltre che oceanografici. Il Presidente dell’INGV, Stefano Gresta, ha così commentato la firma dell’accordo:

Ifremer e Ingv sono grandi istituti nazionali che nell’ambito delle scienze e delle tecnologie marine hanno conoscenze e competenze complementari e costituiscono da lungo tempo un esempio di eccellenza nella collaborazione scientifica fra Italia e Francia.

Entrambi i Paesi hanno una lunga e consolidata tradizione di ricerche d’avanguardia nel campo della geologia, geofisica e oceanografia e questo accordo ne è una ulteriore conferma.

Una delle speranze ora è che queste ricerche oltre a giovare all’ambiente possano anche coinvolgere e rivitalizzare il mondo della ricerca nazionale ancora non valorizzato in tutte le sue potenzialità.

25 febbraio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento