Clima: Accordi di Parigi, sindaci USA pronti a sfidare Trump

I sindaci degli Stati Uniti non vogliono mettere da parte gli Accordi di Parigi sul clima. Il Presidente Trump ha abbandonato gli obiettivi che sono stati stabiliti per la riduzione delle emissioni di gas serra. Tuttavia moltissimi sindaci statunitensi sono pronti a mettersi su una strada che possa portare alla riduzione dell’inquinamento.

Sarebbero almeno 36 città degli Stati Uniti a voler aderire al North American Climate Summit che si svolgerà a Chicago. Gli obiettivi del summit sono molto simili a quelli stabiliti con il patto internazionale di Parigi. Le intenzioni di tutte le città saranno misurabili e la linea che si intende seguire è quella di un controllo reciproco, in modo che i risultati possano essere costantemente monitorati.

=> Scopri la Guida al Clima del WWF per allineare investimenti ad Accordi di Parigi

I sindaci di New York, Chicago, San Francisco e Washington hanno l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra fino al 28%. Da parte propria Trump ha espresso un certo scetticismo riguardo alle opinioni scientifiche sui cambiamenti climatici, ma molti dei primi cittadini americani non sono affatto d’accordo con le idee del Presidente degli Stati Uniti, che critica fortemente l’accordo sul clima. Ecco perché molti hanno promesso di sostenere gli obiettivi di Parigi.

Anche prima degli Accordi di Parigi i funzionari di molte grandi città americane stavano elaborando un progetto dettato dalla necessità di ridurre le emissioni di carbonio, anche con l’intenzione di mantenere competitive le loro economie e di contribuire ad una migliore qualità di vita dei loro residenti.

=> Leggi perché Trump ridimensionerà aree protette USA

Sono molti gli esempi che si potrebbero fare a questo riguardo. Basti pensare a quello che ha fatto il sindaco di Chicago, chiudendo le ultime due centrali a carbone nel 2012, portando avanti una politica di efficienza energetica applicata agli edifici pubblici, pensando ad un ammodernamento dei sistemi di trasporto e ai servizi di bike sharing.

Sono contenti gli attivisti ambientalisti, che attribuiscono proprio ai sindaci statunitensi il merito di portare avanti questi obiettivi di sensibilità nei confronti dei cambiamenti climatici.

7 dicembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento