Cambiamenti nel clima e innalzamento delle acque rappresentano un rischio per la città di Venezia. A ricordarlo attraverso un murales di 6 metri è l’artista visivo romano Andreco, il cui rappresentazione artistica “CLIMATE 04 Sea Level Rise” verrà inaugurata venerdì 27 ottobre alle 16:30 presso Fondamenta Santa Lucia. Un progetto basato non sulla fantasia, ma sulle stime fornite da appositi centri di ricerca.

Nell’ambito del suo progetto centrato sul clima e sull’innalzamento delle acque a Venezia Andreco ha ideato tre opere: un grande “wall painting” realizzato lungo le rive del Canal Grande alle Fondamenta Santa Lucia, un un murales lungo 6 metri che mostra, rivisitandoli in chiave artistica, i risultati degli studi su innalzamento medio del mare e onde estreme. La seconda opera ha previsto l’installazione di piante autoctone appartenenti all’ecosistema lagunare, per evidenziarne i benefici ambientali in termini di contributo all’adattamento e alla mitigazione dei cambiamenti climatici.

=> Scopri Una scomoda verità 2, il nuovo film di Al Gore sul clima

Terza e ultima opera un “dialogo tra arte e scienza”, previsto per il 30 ottobre, all’interno di una conferenza dal titolo “Arte e Scienza al tempo dei cambiamenti climatici”. A partecipare saranno esperti del mondo della ricerca scientifica e professionisti del mondo dell’arte contemporanea, che mostreranno quelli che sono i concetti alla base del progetto CLIMATE 04 Sea Level Rise e cercheranno di stimolare un dibattito pubblico sulle cause e gli effetti dei cambiamenti climatici.

=> Leggi l’impatto dei cambiamenti climatici sulle città nel report di Legambiente

A ispirare il progetto CLIMATE 04 Sea Level Rise proprio le ricerche scientifiche condotte da organizzazioni internazionali come IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), Delta Committee o WGBU. Fonte di ispirazione sono stati inoltre gli studi condotti dal climatologo Stefan Rahmstorf e dei ricercatori del CNR-ISMAR sugli effetti che l’innalzamento medio del livello delle acque avrebbe sulla laguna veneziana. Come si legge nella nota di presentazione del progetto artistico firmato da Andreco:

Venezia, secondo le più accreditate previsioni scientifiche, rappresenta una delle città maggiormente esposte a questo rischio e, potenzialmente, destinata a essere sommersa. Per questa ragione è stata scelta come città protagonista della quarta tappa di CLIMATE, progetto itinerante ispirato alle ricerche su cause ed effetti dei cambiamenti climatici, presentato per la prima volta a Parigi nel novembre 2015, in occasione della conferenza sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite (Cop 21), e proseguito, poi, nelle città di Bologna e Bari. Il progetto di Andreco porta alla luce le vulnerabilità dei territori in cui si inseriscono le sue azioni: se a Bari il tema principale è stato l’accelerazione dei fenomeni di desertificazione dovuti all’innalzamento delle temperature, a Venezia l’artista si è concentrato sull’innalzamento del livello del mare.

27 ottobre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento