La cistite nel gatto è una patologia decisamente frequente, soprattutto quando l’animale non è più giovanissimo. La malattia si manifesta con dei sintomi piuttosto variabili – dalla difficoltà della minzione a un eccesso di urina – e causa solitamente bruciore, prurito e dolore al basso ventre dell’animale. Come riconoscere la problematica e come porvi rimedio?

Come tutte le patologie dei felini, solo il veterinario può diagnosticare adeguatamente la presenza di una cistite e, di conseguenza, stabilire la migliore strategia di cura. Vi sono però dei segnali che devono allertare il proprietario: il gatto dimostra svogliatezza, è meno attivo del solito? La lettiera è insolitamente asciutta o, al contrario, sempre bagnata? Il micio lecca freneticamente e di continuo le parti intime, miagola disperato, rifiuta il cibo?

Cause

Così come nell’uomo, la cistite deriva da diverse cause. Può trattarsi di un’infezione batterica, un virus, un trauma o addirittura una condizione psicologica legata alla paura e all’età. Fra le tante, si elencano:

  • Calcoli renali: la presenza di calcoli ai reni, o anche nella vescica, possono rendere la minzione difficile e particolarmente dolorosa, perché bloccano il normale deflusso dell’urina;
  • Blocco dell’uretra: per residui minerali o gonfiore dei tessuti, l’uretra potrebbe bloccarsi rendendo l’espulsione dell’urina impossibile;
  • Traumi: un trauma fisico, quale un colpo al basso ventre, può comportare gonfiore e tumefazione, bloccando così il flusso urinario;
  • Cancro: alcuni tipi di cancro della vescica agiscono direttamente limitando le normali capacità delle vie urinarie;
  • Infezioni e avvelenamenti: le infezioni virali, i batteri o l’ingestione di sostanze tossiche possono alterare le funzionalità di reni e vescica;
  • Altre patologie: le malattie del sangue e dell’apparato digerente possono contribuire ad alterare la minzione del gatto;
  • Stress e ansia: molto spesso i felini somatizzano ansia, paura e stress sull’apparato urinario, variandone la normale funzione.

Sarà il veterinario a stabilire quale di queste ragioni sarà la preminente, dopo un attento esame che comprenderà l’analisi delle stesse urine. Se la minzione fosse impossibile, può rendersi necessaria l’estrazione direttamente in vescica, con degli appositi aghi che vengono impiegati dopo una blanda sedazione dell’animale.

Cura

Relax del gatto

Relax del gatto, Pixabay

I metodi di cura della cistite devono essere sempre scelti dal veterinario che, a seconda della tipologia di disturbo, sceglierà la migliore delle terapie possibili. Queste possono includere la somministrazione di farmaci – antibiotici, antivirali o medicinali che sciolgono i calcoli – oppure interventi più invasivi, come la chirurgia in caso di tumori o malformazione dei condotti urinari. Quando la causa è di natura psicologica, invece, si dovranno seguire delle precise indicazioni comportamentali. Il proprietario dovrà quindi impegnarsi nella somministrazione dei farmaci – se per via orale, in caso di iniezioni sarà il medico veterinario a provvedere – seguendo le indicazioni fornite. Se il medicinale può essere assunto con i pasti, potrà essere sciolto della normale pappa, altrimenti ci si può aiutare con una siringa senza ago se l’ingestione deve essere a stomaco vuoto. Qualora la cistite fosse causata dallo stress, è utile mettere in pratica alcune migliorie ambientali:

  • Lettiera: trasportare la lettiera in un luogo silenzioso e isolato della casa, dove il gatto godrà della sua privacy;
  • Cibo: la fase di nutrizione dovrà avvenire in un luogo dove il micio si sente sicuro, dove non sarà minacciato da altri animali della casa e dove potrà compiere l’operazione con calma;
  • Acqua: in caso di cistite, il gatto dovrà bere molto, quindi la ciotola dovrà essere sempre piena e soprattutto fresca;
  • Indipendenza: al contrario di quanto si possa ritenere, un gatto stressato non avrà bisogno di troppe coccole. Anzi, il contatto continuo con gli umani potrebbe essere addirittura controproducente.

28 febbraio 2014
Immagini:
I vostri commenti
Marya, sabato 2 gennaio 2016 alle14:40 ha scritto: rispondi »

Come posso curare il gattova parte l antibiotico .dico come prevenzione per la cistite

Lascia un commento