Cisco e MIT insieme per un datacenter verde da 100 milioni di dollari

Cisco Systems ha appena firmato una alleanza con il Massachusetts Institute of Technology (MIT), con l’istituto EMC e con l’università del Massachusetts per un nuovo centro dati “verde”. Il centro sorgerà nelle vicinanze di Holyoke (a meno di 20 Km da Springfield e circa 150 Km da Boston), dove una centrale idroelettrica fornisce energia pulita e a basso costo.

Il progetto appena presentato nella sua fase iniziale di 120 giorni di pianificazione spera di portare “rivoluzioni nelle tecnologie e nella ricerca”, oltre che nuovi posti di lavoro e un risanamento dell’economia locale, secondo quanto detto dal governatore Deval Patrick.

Il nuovo centro dati in fase di progettazione offrirà una base ad alta performance per l’immagazzinamento dati e un’ottima occasione per esplorare nuove tecniche di risparmio energetico.

Questo progetto segue una serie di simili iniziative di green computing lanciate nelle ultime settimane, come il progetto IBM nel campus Syracuse University che aspira a consumare il 50% in meno di energia di simili centri dati costruiti in altre aree del mondo. O come il progetto Google Project O2 per un enorme centro dati in The Dalles, Oregon, anch’esso volto a sfruttare la potenza verde ed economica dell’energia idroelettrica. O il potenziale (ancora non confermato) progetto di un centro dati Microsoft vicino a Quincy, Washington, anch’esso legato allo sfruttamento dell’energia idroelettrica.

L’investimento di 100 milioni di dollari fatto da Cisco nel Massachusetts darà quindi un’ulteriore spinta al settore dell’informatica ambientalista che sta dilagando negli Stati Uniti.

19 giugno 2009
In questa pagina si parla di:
mit
Lascia un commento