Un vero alone di sfortuna per il Circo Martini, da tempo sotto l’occhio vigile delle Forze dell’Ordine e degli animalisti. Dopo la terribile morte del cucciolo di giraffa a Imola, il gruppo itinerante è incappato in continui ostacoli e preteste contro l’utilizzo degli animali nel circo. Ora l’ultimo capitolo contempla l’arrivo della Polizia Provinciale di Monza e Brianza e dei nuclei di Guardie Zoofile Enpa di Milano e Monza. Con il loro passaggio è stato formalizzato il sequestrato di una tigre, un leone, due istrici, tre coccodrilli oltre a due esemplari di volatili e anche due rimorchi, destinati al trasporto di animali.

L’ispezione ha condotto alla denuncia del titolare del circo e del proprietario degli animali. Secondo le Forze dell’Ordine:

«Sono state riscontrate una serie di violazioni alle normative vigenti in materia di tutela degli animali ed i responsabili sono stati indagati per i reati previsti dagli artt. 544 ter e 727 C.P., non escludendo ulteriori responsabilità e l’allargamento del numero degli indagati. […] Proseguiranno nelle indagini per accertare le responsabilità di quanti hanno a vario titolo concorso nei reati accertati durante l’ispezione ed anche su alcuni aspetti, ancora oscuri, sull’attività del circo».

Buona parte degli animali sequestrati non veniva impiegata durante le esibizioni circensi, ma semplicemente esposta in mostra nelle gabbie accanto al tendone centrale. Condizioni non adeguate e un ambiente troppo costrittivo, hanno convinto la Polizia Provinciale a formalizzare la denuncia. Ma da tempo il Circo Martini è costantemente presidiato da gruppi di attivisti e manifestanti, i quali dichiarano il loro dissenso nei confronti dell’utilizzo degli animali durante le esibizioni.

Una diatriba che segue la comitiva di città in città e ha scatenato una vera e propria bagarre, sia provinciale che politica con l’intervento di varie esponenti di partito. Ora è stata indetta da Lav una protesta, che si svolgerà domenica 18 alle ore 14 davanti a Palazzo Marino a Milano. Giocolieri e artisti sfileranno simbolicamente per le vie della città, dimostrando quanto sia più affascinante il circo senza la presenza degli animali. Inoltre i maggiori esponenti dei gruppi animalisti consegneranno una lettera al sindaco Giuliano Pisapia, per chiedere al Comune di Milano di approvare al più presto un nuovo Regolamento Comunale. Una normativa che possa impedire la detenzione delle specie giudicate incompatibili con il Circo, e stabilisca condizioni precise per la detenzione di tutte le altre.

15 novembre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento