Ciotola del cane: perché è importante lavarla?

La ciotola rappresenta uno degli strumenti indispensabili per la cura del cane, nonché uno degli strumenti a cui è più legato. L’animale, infatti, sviluppa un rapporto quasi affettivo con l’oggetto, tanto che quando si rompe o viene cambiato potrebbe manifestare confusione e diffidenza nei confronti del nuovo esemplare. Ma quali sono i consigli per mantenere sempre la ciotola pulita e igienizzata, affinché non vi siano spiacevoli conseguenze?

È importante pulire la ciotola del cane con regolarità, soprattutto quella dove vengono contenuti liquidi, poiché l’ambiente e l’umidità presenti possono stimolare la proliferazione batterica, con agenti esterni capaci di provocare disturbi gastrointestinali anche gravi. Il cane ingerisce questi batteri bevendo acqua contaminata: anche se fresca, e offerta all’animale da poco, se il contenitore non è adeguatamente igienizzato il contagio rimane possibile.

=> Scopri il cane che mendica acqua trasportando una ciotola


Importante è innanzitutto scegliere il materiale più adatto: le ciotole in metallo, come l’alluminio o l’acciaio, sono certamente più semplici da lavare e igieniche rispetto a quelle in plastica. Dopodiché, bisogna valutare il tipo di cibo contenuto. Per il cibo secco, come le crocchette, è sufficiente uno sciacquo quotidiano, con un lavaggio profondo a cadenza settimanale, ad esempio con un ciclo in lavastoviglie o con il classico turno dei piatti serali. I contenitori per cibo umido e acqua, poiché più inclini alla proliferazione batterica, dovrebbero essere invece lavati più di sovente, anche quotidianamente o comunque tre volte alla settimana.

=> Scopri il cane che si addormenta nella sua ciotola


È possibile anche ricorrere a metodi naturali, soprattutto per le macchie incrostate, ad esempio lasciando in ammollo la ciotola con acqua e aceto o, ancora, ricorrendo a soluzioni di acqua e bicarbonato per un’azione anche deodorante. Ovviamente, prima di offrire nuovamente il contenitore all’amico a quattro zampe, tutti i residui di detergenti o di altri prodotti naturali dovranno essere rimossi con un adeguato risciacquo.

18 settembre 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento