Gli amanti del cioccolato fondente non potranno che esserne felici. Secondo uno studio condotto dai ricercatori del Virginia Polytechnic Institute, pubblicato sulle pagine del Journal of Agricultural & Food Chemistry, il derivato del cacao aiuterebbe a tenere sotto contro l’obesità, ma anche il diabete di tipo 2. Una precedente ricerca aveva nelle scorse settimane affermato come questo prodotto potesse essere utile per mantenere il cuore in salute.

Attenzione però alla qualità del cioccolato fondente consumato, i ricercatori statunitensi sottolineano come questo debba essere il più amaro possibile, non trattato quindi per ridurre l’intensità del sapore amaro.

Questo perché i responsabili di quel gusto così particolare e intenso sono i flavonoidi, ai quali appartengono nello specifico le sostanze che più delle altre garantirebbero i benefici effetti: le procianidine oligomeriche. Come ha spiegato il Dr. Andrew P. Neilson, a capo del gruppo di ricerca:

Le procianidine oligomeriche possiedono le maggiori bioattività anti obesità e anti diabetiche tra i flavonoidi del cacao, in particolare alle basse dosi impiegate nel presente studio.

Le procianidine oligomeriche del cacao garantirebbero un controllo del peso corporeo anche in caso di alimentazione ad alto volume di grassi contribuendo, secondo quanto riportato dallo studio, condotto però su cavie da laboratorio e non su esseri umani. A questo si abbinerebbe la capacità di gestire in maniera più efficace, aumentandone la tolleranza, il volume di glucosio nel sangue.

3 aprile 2014
Fonte:
ACS
I vostri commenti
Gennaro, mercoledì 16 aprile 2014 alle21:54 ha scritto: rispondi »

il cacao amaro lo possomettere nel caffe' per fare abbassare il diabete

gabry, domenica 6 aprile 2014 alle18:05 ha scritto: rispondi »

il cacao in polvere fa lo stesso?

Lascia un commento