Si ricorderà di certo la notizia scioccante del ritrovamento di alcuni cinghiali radioattivi in Valsesia, storia emersa sulle pagine della cronaca qualche settimana fa. Oggi si scopre come questa problematica sia forse più complessa di quanto ipotizzato, dato il ritrovamento di alcuni capi contaminati anche nella piemontese Ossola, precisamente in valle Vigezzo e Valle Anzasca.

>>Leggi dei cinghiali radioattivi in Valsesia

Sono passati meno di due mesi dal rinvenimento in Valsesia di cinghiali contaminati con il Cesio 137, scovato dall’analisi della loro lingua e del loro diaframma. Le motivazioni all’esposizione a materiale radioattivo non sono mai state effettivamente esplicitate, ma c’è chi ipotizza si tratti di animali che portano ancora oggi in corpo le conseguenze del disastro nucleare di Chernobyl del 1986. Si pensava fosse un caso isolato, in realtà nuove analisi hanno svelato la presenza di animali radioattivi – 10 capi, all’incirca – anche in Val d’Ossola.

L’Asl Vco qualche tempo fa aveva condotto delle indagini a campione e, su 36 cinghiali analizzati, nessuno aveva presentato livelli rilevabili di contaminazione. La scoperta di questi 10 nuovi casi è quindi controtendenza e desta anche una seria preoccupazione, perché i cinghiali sono spesso oggetto delle attenzioni dei cacciatori e capi radioattivi rischiano di finire sulle tavole delle popolazioni della zona. È quindi scattato l’allarme per gli animali abbattuti a Calasca, in valle Anzasca, per quelli presi nella bassa valle Vigezzo, tra Paiesco e Trontano, e nella zona di Finero, nei pressi della valle Cannobina. Mauro Fava, presidente del Comprensorio caccia Vco, non si sbilancia sui dati emersi:

Non mi esprimo, prima voglio capire qualcosa di più sulle analisi.

>>Scopri le polemiche sulla caccia in Trentino

La stessa cautela anche da Aldo Girlanda, del Comprensorio Caccia Vco 3 della valle Anzasca:

Non facciamo allarmismi prima di aver dati più precisi.

Foto: Wild Boar With Snow Covered Snout | Shutterstock

23 aprile 2013
Fonte:
I vostri commenti
Roby, martedì 9 luglio 2013 alle22:09 ha scritto: rispondi »

Sicuramente non troveranno motivo valido per non mangiarseli!!

Lascia un commento