I media britannici lanciano oggi una notizia choc: in Cina i cani non solo vengono utilizzati in cucina, ma addirittura nei mercati il cliente può scegliere un esemplare vivo da far ammazzare sul posto. A lanciare la bomba è il The Sun con tanto di fotografie e video, che Pets decide di non pubblicare dato l’impatto cruento di questi scatti.

Il fatto che la cucina cinese preveda la carne di cane è ampiamente noto e, nonostante l’attività di organizzazioni e lo spettro di una moratoria internazionale, la grandissima nazione asiatica non sembra essere stata minimamente scalfita nelle proprie tradizioni. Ma il reportage apparso sul Web ieri rimanda un universo di pratiche rimaste fin ora ben nascoste all’opinione pubblica internazionale.

Le immagini del The Sun sono state scattate al mercato di Yulin, nella regione dello Guangxi Zhuang: si nota un banchetto da macellaio, del tutto simile ai tanti ambulanti presenti nelle nostre città, con però impilate una sopra l’altra tantissime carcasse di cane, alcune anche precotte. Vi sono poi numerosi esemplari vivi tenuti in gabbia: l’acquirente arriva, sceglie il quadrupede preferito e quindi il venditore lo ammazza sul posto, lo scuoia e lo cuoce. Un banchetto sempre affollatissimo di clienti, tanto che vi è un via vai di motorini carichi di cadaveri forse per alimentare il fabbisogno dei ristoranti della città.

Persino alcune organizzazioni cinesi hanno protestato a Yulin contro questa barbarie, ma a nulla è servito: l’utilizzo di carne di cane non solo è saldamente radicato nella cultura cinese, ma è garantito per legge. E finché non vi sarà una presa di posizione dal governo, il resto del mondo potrà rimanere solo a guardare.

27 giugno 2012
I vostri commenti
Lorena Gatto, martedì 7 maggio 2013 alle15:49 ha scritto: rispondi »

Povere bestiole. Ma sti cinesi, hanno capito che siamo nel 21° secolo e non più nel medioevo?

Lascia un commento