Gli animali domestici diventano sempre più membri a tutti gli effetti della famiglia. Tanto che, giunto il momento del trapasso, sempre più proprietari organizzano piccole cerimonie funebri in loro memoria, per ricordare gli anni d’affetto trascorsi insieme. Presto, però, proprietari e amici a quattro zampe potranno condividere anche il sonno eterno, grazie a un’iniziativa singolare in quel di New York: dei cimiteri attrezzati per ospitare sia gli umani che i loro compagni cani e gatti.

La novità è stata approvata lo scorso lunedì dal governatore Andrew M. Cuomo, il quale ha firmato una proposta di legge per garantire ai cittadini di New York la sepoltura in compagnia dei loro quadrupedi. Il tutto avverrà in alcune strutture organizzate, completamente no-profit, affinché anche i ceti meno abbienti possano accedere a questa importante opportunità. Così ha spiegato lo stesso governatore:

Per molti newyorkesi, gli animali domestici sono membri della famiglia. Questa normativa snellirà le procedure di legge per garantire ai cimiteri la possibilità di onorare le ultime volontà degli amanti degli animali.

=>Scopri il cimitero degli animali di Milano


La normativa prevede che l’animale domestico venga cremato al momento del trapasso, per questioni di sicurezza. Le ceneri potranno quindi essere sepolte nella stessa tomba del proprietario, anche a distanza di anni dalla scomparsa di quest’ultimo. L’iniziativa si rivolge ai cimiteri comunali e altre strutture analoghe, mentre non riguarda aree gestite da associazioni religiose, dove può rimanere in essere il divieto per cani e gatti, a seconda del credo.

I cimiteri per animali si stanno moltiplicando in tutto il mondo, soprattutto negli ultimi anni, grazie alla maggiore sensibilità delle amministrazioni comunali nei confronti delle esigenze dei quadrupedi e dei loro proprietari. Di solito, tuttavia, si tratta di strutture apposite, mentre la possibilità di sepoltura congiunta è abbastanza una rarità. Così facendo, non si esclude che New York apra un nuovo trend a livello internazionale.

7 ottobre 2016
Fonte:
Lascia un commento