Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato, lo scorso 13 gennaio, una legge per la realizzazione di cimiteri dedicati alla tumulazione di animali d’affezione. La proposta, arrivata dal consigliere Pd Lucia De Robertis, si è tramutata in legge con unanimità di voto e assegnerà ai Comuni la facoltà e volontà di individuare spazi per la creazione di cimiteri per i quadrupedi di casa. La legge si compone di quattro articoli che disciplinano le modalità per la creazione e il funzionamento dei cimiteri per i cani e gatti tanto amati.

In particolare la localizzazione di spazi idonei, quindi la corretta realizzazione del cimitero, comprensivo di autorizzazione comunale e parere della competente azienda di unità sanitaria locale, che verranno richieste prima che il meccanismo venga messo in atto. La decisione è quella di proporre e individuare spazi consoni seguendo correttamente l’iter burocratico e sanitario, così da produrre un cimitero idoneo per l’ultimo viaggio dell’animale più caro. Le norme di creazione del luogo di tumulazione verranno applicate attraverso il regolamento regionale e approvato dalla Giunta entro centottanta giorni dall’entrata in vigore. Queste le parole di Lucia De Robertis:

Sappiamo bene quanto sia importante, quanto sia coinvolgente, avere un animale che magari ci accompagna per diversi anni della nostra vita. Un rapporto, un legame, al quale è giusto dare una continuità, anche quando questi animali vengono a mancare. Per questo, come istituzione regionale, abbiamo deciso di agevolare la costruzione di tali strutture […] Si tratta di una norma importante, di civiltà, che tocca direttamente la quotidianità, l’attaccamento delle persone ai propri animali.

Una svolta importante per chi considera cani e gatti, ma anche roditori e uccellini, pezzi fondamentali delle dinamiche familiari quotidiane. La possibilità di poter seppellire fisicamente i propri amici, un luogo dove poter convergere per un saluto, è ciò a cui da sempre ambiscono i proprietari. Con questo passo in avanti verso il futuro la Regione Toscana volge un occhio compassionevole e comprensivo, incrementando la tutela e il rispetto nei confronti degli animali.

15 gennaio 2015
Fonte:
I vostri commenti
gabry, lunedì 26 gennaio 2015 alle17:41 ha scritto: rispondi »

E' una decisione che trova d'accordo tutti gli amici dei pelosetti

milvia angela codazzi, giovedì 15 gennaio 2015 alle9:42 ha scritto: rispondi »

Finalmente. la Toscana è una vera regione amante degli animali.

Lascia un commento