Cile: i cani della polizia sfilano con le scarpette

Cani con le scarpette e cuccioli avvolti in comodi zaini termici. Sono queste le immagini che arrivano dal Cile, pronte a rimbalzare da un account all’altro dei social network. Non un semplice vezzo, tuttavia, bensì una necessità ben precisa per provvedere alla salute degli animali.

Il tutto è accaduto durante le celebrazioni per l’anniversario dell’Indipendenza cilena, con la tradizionale parata delle autorità di polizia locali, tra cui l’unità canina dei Carabineros de Chile. La divisione si avvale da tempo di cani di razza Golden Retriever per numerose attività, dalla ricerca di stupefacenti al salvataggio di persone in difficoltà, così ha deciso di partecipare alla sfilata in compagnia dei preziosi quadrupedi.

=> Scopri le caratteristiche dei Golden Retriever


Considerando come il Cile entri proprio in questi giorni nella stagione primaverile, poiché Paese al di sotto dell’equatore, le temperature esterne sono ancora molto basse. Per evitare traumi o ferimenti ai quadrupedi, di conseguenza, si è deciso di dotare i valorosi esemplari adulti di comode scarpette, affinché le zampe non entrino in diretto contatto con l’asfalto gelido, mentre i cuccioli sono stati avvolti in appariscenti zainetti termici.

=> Scopri i rischi del cane sull’asfalto rovente


I social network, così come accennato, sono letteralmente impazziti per le immagini provenienti dal Paese sudamericano, poiché non solo insolite, ma anche decisamente tenere. D’altronde, dimostrano l’amore e la dedizione con cui gli agenti della polizia locale provvedono al loro benessere, evitando che possano essere sottoposti a condizioni atmosferiche non adatte per il loro organismo. Non si tratta, però, di una novità assoluta: qualche tempo fa, infatti, anche in Austria alcuni cani di polizia sono stati dotati di apposite babbucce. La ragione, tuttavia, è in questo caso opposta rispetto a quella cilena: con le scarpe canine, infatti, si è evitata l’ustione delle zampe a contatto con l’asfalto rovente dell’estate.

21 settembre 2018
Fonte:
Lascia un commento