Un cigno è stato ucciso a colpi di sassate da un gruppo di studenti, giunti sulle rive del lago di Garda per una gita scolastica. È questa la vicenda che giunge da Peschiera del Garda, dove un gruppo di giovani danesi ha maltrattato uno dei tanti animali che animano la natura locale. A riportarlo il Corriere del Veneto, nel sottolineare come per i responsabili sia scattata la denuncia.

Il tutto è accaduto negli scorsi giorni, quando un gruppo di studenti in gita ha avvicinato un cigno reale annidato tra le canne del lago, sulle rive di Peschiera del Garda. Secondo quanto riportato dalle cronache locali, i tre giovani danesi avrebbero dapprima disturbato l’animale che, spaventato, avrebbe reagito aprendo le ali, puntando il becco e soffiando in direzione dei ragazzi.

=> Scopri il cucciolo di delfino maltrattato dai turisti per un selfie di gruppo


Una reazione comprensibile, non solo dovuta alla minaccia percepita, ma anche dalla possibile presenza di un vicino nido con i piccoli. Una risposta che avrebbe quindi spinto gli studenti all’azione, con il lancio di sassi in direzione dell’indifeso animale.

=> Scopri il cigno maltrattato dai turisti per un selfie


Sempre il Corriere del Veneto riferisce come il cigno abbia cercato di nascondersi nella vegetazione del luogo, per schivare l’aggressione, ma alcuni colpi sono purtroppo risultati letali. A collaborare con i Carabinieri per l’identificazione dei responsabili il professore che ha accompagnato la scolaresca in gita: per i ragazzi è scattata la denuncia a piede libero al Tribunale dei Minori e dovranno rispondere del reato di uccisione di animali, con possibili pene dai 4 mesi ai 2 anni di reclusione. I responsabili, sempre secondo le ricostruzioni, avrebbero tutti 16 anni. Il corpo del volatile è invece stato recuperato dai servizi veterinari USL, per ulteriori analisi da parte dell’Istituto Zooprofilattico.

19 ottobre 2017
Immagini:
Lascia un commento