Consumare cibo spazzatura porta a mangiare di più e mette a rischio il peso forma. Secondo quanto hanno reso noto i ricercatori della University of Georgia, negli USA, consumare cibi ricchi di grassi e poco salutari danneggia i nervi che comunicano al cervello il senso di sazietà.

L’effetto nocivo del cibo spazzatura originerebbe, spiegano i ricercatori, dall’alterazione imposta ai batteri presenti nell’intestino. Stando alle conclusioni presentate la flora batterica più favorevole al consumo di alimenti poco sani prolifererebbe in caso di dieta sbagliata, aggredendo poi le sostanze microbiche più a loro agio in caso di alimentazione corretta.

Da quest’azione deriverebbe l’infiammazione dei nervi presenti nell’apparato digerente, che non comunicherebbero più in maniera adeguata il senso di sazietà al cervello. Come ha spiegato il Dr. Krzystof Czaja:

Quando modifichiamo l’alimentazione nei ratti portandoli verso cibi ad alto contenuto di grassi anche i circuiti cerebrali si riorganizzano. Questo induce un’infiammazione nelle regioni del cervello responsabili del comportamento alimentare.

Tale riorganizzazione dei circuiti e infiammazione possono alterare il senso di sazietà.

Una variazione rispetto a una dieta sana può portare profonde alterazioni nella flora batterica intestinale, dalle conseguenze non ancora del tutto note. Saranno infine necessari ulteriori studi, conclude il Czaja, affinché si comprenda se tale variazione possa in alcuni casi essere definitiva.

9 luglio 2015
Fonte:
Lascia un commento