Nuovo bollettino di allerta per il cibo contaminato in Europa. Le segnalazioni arrivano ancora una volta dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti, che indica 50 possibili rischi per la salute legati ai prodotti alimentari in circolazione all’interno dell’Unione Europea.

Bloccate alla frontiera italiana, in uscita verso la Svizzera, delle acciughe italiane sott’olio. Secondo i tecnici di laboratorio svizzeri nei prodotti fermati vi sarebbero tracce di istamina. Una seconda allerta riguardante prodotti italiani a rischio arriva dal Regno Unito, dove si segnalano bottiglie di prosecco a rischio esplosione.

In merito invece ai prodotti esteri in entrata sono stati segnalati casi di contaminazione da fosfuro di alluminio in lotti di fagioli marroni, della cui origine non si ha però alcuna indicazione in merito. È stata inoltre diramata l’allerta anche per l’arrivo di pesce spada congelato, a rischio Xiphias gladius, proveniente dalla Spagna.

L’allerta è sempre attiva, anche se non prevede interventi d’urgenza, per quanto riguarda il caso del salmone affumicato polacco con tracce di Listeria monocytogenes.

Diossine e simil-diossine policlorobifenili sono state rinvenute in partite di granchio refrigerato proveniente dai Paesi Bassi, mentre sotto osservazione sarebbe anche il livello di migrazione globale troppo elevato registrato in alcuni coltelli colorati provenienti dalla Cina.

30 ottobre 2014
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
sossio, venerdì 31 ottobre 2014 alle7:34 ha scritto: rispondi »

Oramai è la fine

Lascia un commento