È sempre molto importante vagliare l’alimentazione degli amici a quattro zampe, perché dalla loro nutrizione dipende il loro benessere. Per questo motivo, è sempre utile ricorrere alle fonti delle istituzioni per verificare eventuali avvisi o richiami, come di recente avvenuto per alcuni prodotti dedicati alla cura dei cani e dei gatti. Il Ministero della Salute, infatti, ha richiamato due lotti di cibo, per la possibile contaminazione da salmonella.

Così come si apprende dal sito del Ministero, due lotti a marchio Animal Star, comprendenti i cibi in scatola “Quaglia” e “Galletto”, sono stati richiamati per rischio microbiologico. Potrebbe infatti esservi una contaminazione da salmonella, un bacillo molto diffuso sul suolo, che può provocare sia nell’uomo che negli animali problemi di natura soprattutto gastrointestinale.

=> Scopri le malattie infettive dei cani


Il richiamo riguarda unicamente un lotto per entrambi i prodotti. Per la varietà “Quaglia” il lotto coinvolto è l’114A17 con scadenza al 9/2018, mentre per la versione “Galletto” si tratta dello 095A17, sempre con scadenza a settembre del 2018. Il codice produttore è l’ABP2326, relativo all’azienda Barf Italia.

Chi fosse in possesso dei due lotti in questione, non dovrà ovviamente somministrarli all’animale d’affezione, sia esso il cane o il gatto. Per il ritiro, e il successivo rimborso, è utile vagliare le informazioni del canale di rivendita da cui sono stati acquistato o, ancora, rivolgersi alle istituzioni di competenza sul proprio territorio. Si sottolinea nuovamente come il richiamo riguardi unicamente i due lotti indicati: i prodotti della stessa marca e della medesima varietà, associati a lotti differenti, non presentano rischi per la salute dell’amico quadrupede.

=> Scopri le malattie intestinali dei cani


In caso di dubbi sulla salute del cane e del gatto, è indicato avvisare tempestivamente il proprio veterinario di fiducia, affinché proponga un percorso di cura adeguato. Nel cane e nel gatto vi possono essere alcuni sintomi evidenti, come diarrea e vomito, nonché una mancanza di vitalità nell’animale. Il trattamento ha maggiore successo quanto prima viene cominciato.

10 luglio 2017
Lascia un commento