Il cibo biologico fa bene e contiene meno pesticidi. Queste le conclusioni di uno studio condotto dall’Università di Newcastle, nel Regno Unito, secondo cui i maggiori benefici arriverebbero per i consumatori di frutta, verdura e cereali.

Secondo lo studio britannico, realizzato analizzando 340 precedenti ricerche, la concentrazione di antiossidanti risulterebbe superiore nei cibi biologici tra il 19 e il 69% rispetto agli altri raccolti.

Un risultato positivo che si rifletterebbe anche per quanto riguarda la presenza di pesticidi, inferiore fino a 4 volte in confronto ai prodotti non bio. Come ha spiegato il Dr. Carlo Leifert, autore principale dello studio:

Questo studio dimostra che la scelta di produrre cibo con standard biologici può condurre a incrementare l’assunzione di antiossidanti e ridurre l’esposizione ai metalli pesanti tossici. Questo costituisce un’importante integrazione per l’informazione attualmente disponibile per i consumatori, che finora è stata confusa e in molti casi conflittuale.

Un lavoro che tuttavia non ha mancato di suscitare dubbi e perplessità in merito alla reale efficacia per la salute del cibo biologico. Secondo ad esempio il commento rilasciato al quotidiano britannico The Guardian da Tom Sanders, professore di Nutrizione presso il King’s College London, nessun particolare vantaggio risulterebbe dalla “scelta bio”:

Non sarai nutrito meglio solo per aver scelto di mangiare cibo biologico. Ciò che è più importante è cosa mangia, non importa se biologico o convenzionale. Riguarda il fatto di mangiare frutta e verdura. Le persone stanno comprando uno stile di vita, acquistano solo la rassicurazione che non siano stati coltivati con prodotti chimici né da grandi compagnie.

14 luglio 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento