Il tipo di alimentazione è cruciale per chi soffre di diabete di tipo 2. Infatti è fondamentale assumere cibi che tengano a bada la glicemia e che aiutino la salute di quegli organi maggiormente messi alla prova da questa malattia, come occhi, rene, cuore, nervi e vasi sanguigni.

Gli alimenti ottimi per chi soffre di diabete sono quei cibi che hanno un basso indice glicemico, meglio ancora se ricchi di vitamine e minerali essenziali come il calcio, il potassio, il magnesio, le vitamine A, C e D e le fibre.

I frutti di bosco

Le varietà più comuni sono i mirtilli, le fragole, i lamponi e le more. Si tratta di frutti ricchi di antiossidanti, vitamina C, potassio e fibre. La vitamina C è un antiossidante che tiene a bada i danni provocati dai radicali liberi.

I radicali liberi sono responsabili dell’invecchiamento e di patologie come le malattie cardiache, il cancro e l’artrite. Il consumo di frutti di bosco protegge il corpo da queste malattie, contribuendo anche a ridurre i danni delle sostanze dannose presenti nell’ambiente, come il fumo delle sigarette.

Specialmente i mirtilli sono ricchi di fitonutrienti. I fitonutrienti sono sostanze che aiutano la comunicazione tra le cellule del corpo, contribuendo ad evitare mutazioni a livello cellulare e a prevenire la formazione di cellule tumorali. Inoltre, i mirtilli aiutano anche a ridurre i livelli di colesterolo.

Gli agrumi

Tra gli agrumi migliori contro il diabete si trovano le arance, i pompelmi e limoni. Si tratta di frutti ricchi di fibre solubili e di vitamina C, ottimi per tenere sotto controllo il diabete.

Le fibre solubili aiutano a regolare i livelli di glucosio nel sangue e la pressione sanguigna e danno un grande senso di sazietà. Un’arancia di dimensioni medie contiene 62 calorie e 3,1 grammi di fibre. È uno snack nutriente che vi farà sentire pieni di energia e senza attacchi di fame fino al pasto successivo: questo è fondamentale soprattutto per chi cerca di tenere sotto controllo il peso corporeo.

La vitamina C è necessaria per la crescita e la riparazione dei tessuti di tutto il corpo. Fa sì che le ferite e le lesioni guariscano più velocemente, aiutando a formare il tessuto cicatriziale. Permette, inoltre, una migliore riparazione della cartilagine, dei tendini, dei legamenti, dei vasi sanguigni, delle ossa e dei denti.

La vitamina C è solubile in acqua, per cui il corpo non la trattiene benissimo, eliminandola con le urine. Questo è il motivo per cui l’organismo ha bisogno di un continuo apporto di vitamina C, e il modo migliore è mangiare tanta frutta che ne contenga in grandi quantità.

Le verdure a foglia verde

Spinaci, cavoli e cime di rapa sono davvero poveri di calorie, per cui se ne possono mangiare a volontà per mantenere il proprio peso forma. Gli spinaci, soprattutto, sono molto ricchi di nutrienti importanti, come le vitamine A, B2, B6, C, E e K.

La vitamina A aiuta a combattere il diabete, perché preserva la salute degli occhi e della pelle e contrasta le infezioni. Gli spinaci sono una grande fonte di minerali come ferro, calcio, sodio, fosforo, magnesio e potassio. Il ferro aiuta la costruzione dei globuli rossi e il calcio è un importante per le ossa.

I pomodori

Come le bacche di goji, sono una fonte eccellente di vitamine C e A. Entrambe le vitamine sono ottime per la pelle e, nel caso del diabete, è fondamentale introdurre nell’alimentazione quotidiana alimenti che aiutino la guarigione delle ferite e la formazione di tessuto cicatriziale.

Inoltre, la vitamina A è fondamentale per la salute degli occhi, aiutando a migliorare la vista e a combattere disturbi come la degenerazione maculare legata all’età, il glaucoma e la cataratta.

Le noci

Le noci, assunte quotidianamente, aiutano il controllo del glucosio e dei lipidi nel sangue. Secondo una ricerca condotta da David Jenkins del St. Michael’s Hospital di Toronto, l’assunzione di 75 grammi di noci al giorno migliora i valori di glicemia e colesterolo cattivo (LDL).

I fagioli

Qualunque sia la varietà di fagioli che preferite, sono sempre ricchi di fibre, proteine, magnesio e potassio. Se si combinano le proteine dei fagioli con i nutrienti dei cereali, si ottiene un pasto completo. Rispetto alla carne, sono poveri di grassi saturi, e quindi ottimi per la salute delle arterie. Fondamentali per una dieta ricca di proteine e fibre.

I cereali integrali

Il germe di grano e la crusca sono cereali non raffinati che forniscono magnesio, cromo, acidi grassi omega 3 e acido folico. Secondo uno studio condotto alla Harvard University, assumere cereali integrali al posto del riso bianco riduce del 36% il rischio di diabete di tipo 2.

28 aprile 2014
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
m teresa, martedì 14 luglio 2015 alle9:57 ha scritto: rispondi »

Sono diabetica tipo1 mi può consigliare come cenare alla sera per abbassare la glicemia mattutina .faccio insulina rapida a pranzo e insulina lenta la sera. Grazie

manuela, martedì 10 giugno 2014 alle11:57 ha scritto: rispondi »

Mio figlio dall'eta di 14 anni è diabetico vi chiedo una dieta per evitare che peggiori Lui non rinuncia alla pasta ne al pane Grazie

alfio trovato endocrinologo naturopata , lunedì 12 maggio 2014 alle20:02 ha scritto: rispondi »

credo che la malattia diabetica si possa affrontare solo agendo creando una alimentazione consapevole non educando al culto della dieta ; troppo spesso si dimentica che la malattia esiste in quanto tentativo del corpo di manifestare un disadattamento e quindi esprime una modalita difensiva educhiamo a ripristinare i ritmi della salute ascoltando il ritmo dei nostri ormoni tra cui l'insulina ; essa agisce anche come neurotrasmettitore insomma segnala un disagio a noi interpretarlo ........

Giuseppe Gagliano, mercoledì 30 aprile 2014 alle16:27 ha scritto: rispondi »

Condivido la vostra pagina e vi chiedo nei limiti consentiti, di continuare a scrivere sul cibo e gli alimenti in genere. Benefici e danni all'organismo umano. Bravi, aver pubblicato una rubrica intelligente come la vostra, vi fa sicuramente onore e nello stesso tempo vi deve stimolare tanto da continuare su questi temi. Giuseppe Gagliano

Lascia un commento