Alimenti contenenti arachidi in tenera età per ridurre rischio allergia. Questo è quanto suggerisce un nuovo studio condotto nel Regno Unito e pubblicato su The New England Journal of Medicine. Una netta inversione di tendenza rispetto alle normali prassi pediatriche, che non ha mancato di attirare l’attenzione di medici e nutrizionisti dell’infanzia.

L’allergia alle arachidi è in forte aumento, secondo dati USA, così come la preoccupazione di pediatri e allergologi al riguardo. La prassi attuale prevede per i genitori con figli a rischio di evitare qualsiasi contatto con cibo contenente tali legumi fino all’età di 3 anni. Una metodologia che secondo l’attuale studio dovrebbe essere rivista in maniera netta e immediata.

Nello studio britannico sono stati coinvolti 530 neonati “ad alto rischio” di età compresa tra i 4 e gli 11 mesi, ai quali è stato assegnato in maniera casuale un differente percorso alimentare: metà di loro ha assunto la normale dieta attualmente prevista per bambini di questo tipo, priva quindi di qualsiasi prodotto contenente arachidi, gli altri hanno mangiato anche quei cibi che contenevano tali legumi al loro interno.

Ciascun percorso alimentare è stato seguito dai bambini fino all’età di 5 anni, quando è stata verificata la manifestazione o meno di allergia alle arachidi. Il gruppo che aveva consumato alimenti contenenti tracce di questi legumi aveva registrato un tasso di reazioni iperimmuni molto inferiore rispetto a chi invece aveva seguito la dieta di privazione totale.

La presentazione ufficiale dello studio è avvenuto durante l’incontro annuale dell’American Academy of Allergy, Asthma and Immunology a Houston. Una ricerca che ha già riattivato un forte dibattito nella comunità scientifica in merito a quali siano le indicazioni più efficaci per ridurre il crescente numero di allergie da arachidi nei Paesi occidentali.

Secondo quanto ha dichiarato l’autore principale dello studio, il Dr. Gideon Lack, docente di Allergia pediatrica presso il King’s College London:

Il tenere le arachidi lontano dai bambini potrebbe essere in parte responsabile dell’incremento dei casi di allergie alle arachidi che abbiamo riscontrato.

In ogni caso i pediatri impegnati nello studio consigliano di non somministrare ai bambini in tenera età arachidi, ma prodotti che le contengono come ad esempio il burro di arachidi. Questo per evitare ai più piccoli il possibile rischio di soffocamento.

24 febbraio 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento