Scoperta in una gabbia di un circo nella città di Piura, nei pressi della peruviana Lima, l’orsa Cholita ha vissuto quasi tutta la sua vita in uno stato di prostrazione e dolore. Reclusa in una gabbia di ferro angusta e stretta, è apparsa quasi senza più manto e pelo, vittima dello stress di un’esistenza fatta di sfruttamento e abuso. L’esemplare è apparso senza denti e unghie, strappati per impedire che risultasse aggressiva verso i visitatori.

Una situazione drammatica di solitudine per l’orso ormai anziano che, finalmente scoperto, è stato segnalato per il trasporto e il recupero negli USA. Per lei presto si apriranno le porte del Wild Animal, un santuario in Colorado che la ospiterà e lavorerà per la sua rinascita fisica e mentale. Con lei arriveranno altri 33 leoni strappati da altrettante strutture circensi sparse per il Sudamerica, quindi una scimmia di nome Neva che viaggerà con lei.

Cholita, della stessa famiglia dell’orso Paddington molto amato dagli inglesi ma di origini peruviane, è un esemplare di orso degli occhiali o orso andino. La struttura è piccola e la razza è in via di estinzione. Viste le somiglianze con l’amato personaggio delle fiabe inglesi, molti lettori del Daily Mail hanno partecipato alla raccolta fondi lanciata dalla rivista e dall’associazione Animal Defenders International, che si occuperà del trasporto fino in Colorado. La zona dove è reclusa Cholita è piuttosto impervia, un camion dovrà viaggiare tra strade di montagna e zone desertiche. Sul mezzo di trasporto sarà presente una gabbia provvista di fieno e coperte, più del personale veterinario e un team specializzato. L’animale dovrà superare tutti gli step burocratici prima di imbarcarsi per gli USA. Per questo l’associazione ha dovuto ritardare il viaggio di qualche settimana, nell’attesa di recuperare la cifra necessaria per far salire l’orsa sull’aereo con la corretta assistenza.

1 aprile 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento