Il cetriolo, il Cucumis sativus, è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, la stessa della zucchina, della zucca, del cocomero e del melone.

Questo ortaggio è originario del’India, ma già da tempo è arrivato nelle nostre campagne, dove viene coltivato a scopo alimentare: raccolto maturo, è destinato al consumo come ortaggio fresco in insalate di sole verdure o con cereali misti, mentre prima della maturazione definitiva è destinato all’industria per la preparazione di sottaceti e giardiniere.

La pianta annuale viene seminata in primavera e la raccolta degli ortaggi maturi avviene dopo un paio di mesi, per proseguire per tutta l’estate.

Vediamo quali sono le caratteristiche nutrizionali di questo ortaggio, i benefici che derivano dal suo consumo e due ricette per gustarlo al meglio, nonché per trarne dei vantaggi per il benessere generale dell’organismo.

Caratteristiche nutrizionali del cetriolo

Il cetriolo è un ortaggio poco calorico, una porzione del peso di 100 g apporta solo 12 kcal: la polpa, infatti, è particolarmente ricca di acqua, circa il 95% del peso.

Il ridotto apporto energetico lo rende un ortaggio apprezzato da chi deve seguire un regime alimentare ipocalorico a scopo dimagrante. Questa la composizione in termini di macronutrienti:

  • carboidrati: 2%;
  • proteine: 0,5%;
  • grassi: 0.1%.

Molto più interessante è la concentrazione di alcuni micronutrienti, soprattutto vitamine e sali minerali. I cetrioli sono ricchi di magnesio, potassio e fosforo. Buono è anche l’apporto di alcune vitamine come la C, i folati e la K: quest’ultima tuttavia è maggiormente presente nella buccia esterna, che sebbene venga solitamente eliminata è edibile.

Il cetriolo contiene anche una discreta quantità di fibra alimentare: nell’ambito di una dieta sana ed equilibrata, nonché di uno stile di vita attivo, il consumo di cetrioli favorisce il benessere dell’intestino.

L’abbondanza di acqua e la concentrazione relativa dei sali minerali rende il cetriolo un ortaggio diuretico e disintossicante.

Centrifuga di cetriolo contro la ritenzione idrica

Questo ortaggio, grazie al ricco apporto di acqua e di potassio e alla trascurabile concentrazione di sodio, può essere impiegato, nei giorni più caldi dell’estate, per combattere la ritenzione idrica, cioè il ristagno di liquidi in eccesso.

Molto efficace è la centrifuga di cetriolo, eventualmente arricchita con una o due fette di ananas fresco che, grazie alla sua bromelina, è un efficace antiedamatoso, cioè facilita il riassorbimento del gonfiore dovuto al ristagno dei liquidi.

Ingredienti per 250 ml di centrifuga drenate:

  • 300 g di cetrioli maturi;
  • 200 g di ananas.

Condire con la salsa tzatziki

La salsa tzatziki è un condimento tipico della Grecia a base di yogurt e cetrioli, viene perlopiù impiegata per condire le insalate fresche. La ricetta originale prevede anche l’aggiunta di aneto e aglio, due erbe aromatiche che arricchiscono il sapore e consentono di evitare l’aggiunta di sale.

La salsa tzatziki è un condimento drenante e depurativo, grazie alla presenza del cetriolo che, con i fermenti lattici dello yogurt, favorisce il benessere intestinale.

Ingredienti per 250 g circa di salsa tzatziki:

  • 100 g di yogurt magro naturale;
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva;
  • 150 g di cetriolo maturo;
  • 1 cucchiaino di aneto e aglio tritati:
  • 1 cucchiaino di aceto bianco di vino o cato di mele.

Grattugiate finemente il cetriolo senza sbucciarlo, quindi mescolate in una ciotola con lo yogurt e gli altri ingredienti. Lavorate fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Servite a temperatura ambiente o freddo come condimento per le verdure.

12 luglio 2016
Lascia un commento