Il CES 2013, l’annuale kermesse per il lancio di nuovi prodotti dell’high-tech e dell’informatica, si è concluso ieri in quel di Las Vegas. Quest’anno a dominare i palchi e gli stand sono state le innovazioni in ambiente domestico e portatile, con la presentazione di diverse Smart TV e i concept di nuovi smartphone, alcuni anche con schermi flessibili o arrotondati. Ma alla convention vi è stato spazio anche per parlare di ecologia e di green tech.

L’attenzione all’ambiente è ormai strettamente legata allo sviluppo tecnologico, in particolare al mondo dell’informatica. L’industria ha capito come si debba puntare su dispositivi dalle mille feature ma attenti al risparmio energetico, costruiti a partire da materiali plastici riciclati e attenti alle esigenze dello smaltimento una volta diventati obsoleti. Ma quali sono i 5 ambiti su cui il CES 2013 ha brillato in fatto di ecologia?

>>Scopri i gadget tecnologici del CES 2012

  • Risparmio energetico: prima di addentrarsi nell’analisi di alcuni gadget, è bene ricordare come l’intera kermesse sia stata quest’anno all’insegna del risparmio energetico e delle fonti rinnovabili. L’approvvigionamento elettrico per l’intero evento è infatti provenuto da fonti come il solare e l’eolico, tanto che il CES 2013 si aggiudicato la palma d’oro della manifestazione a maggior efficienza energetica. Vi è stata anche una particolare attenzione nei confronti del riciclo, con 288,6 tonnellate di rifiuti recuperate;
  • Yeti 2050 – Goal Zero: proprio in tema di fonti rinnovabili si inserisce un chiacchierato prodotto lanciato al CES. Si tratta di un dispositivo solare plug & play da utilizzare in caso di emergenza, un generatore elettrico da utilizzare durante i blackout che, anziché sfruttare i combustibili fossili, fa del sole la propria arma. Dalle dimensioni portatili e dai tempi di ricarica di 5-10 ore, questa “batteria verde” è in grado di garantire più di 50 ore di elettricità di base in ambiente domestico;
  • Eton BoostSolar Battery Pack: a quanti sarà capitato di rimanere con lo smartphone senza carica, in luoghi dove non è disponibile una presa elettrica? Con questo pannello solare portatile, poco più grande di una mano, è possibile dare nuova vita ai device portatili senza alcuno sforzo. Basta collegarlo alle prese USB e MicroUSB (pare vi sia un programma anche una versione per connettori iPhone), per ricaricare immediatamente smartphone, tablet, macchine fotografiche e chi più ne ha, più ne metta;
  • Eversense Thermostat: il CES 2013 è stata anche l’occasione per presentare numerosi termostati intelligenti, trainati dal successo di Nest del 2012. Eversense è un piccolo dispositivo dotato di schermo LCD e programmabile anche a distanza tramite iOS oppure Android. Il suo pregio è quello di riconoscere la presenza umana nell’abitazione e regolare di conseguenza la temperatura: si ottimizza, così, il consumo energetico, riducendo l’emissione di calore quando nessuno è in casa. Oltre a portare il giusto tepore, crea anche l’atmosfera con la sua capacità di gestire la diffusione di musica in tutte le stanze della propria abitazione;
  • Parrot Flower Power: vi piacciono le piante ma la natura non vi ha dotato di pollice verde? Niente paura: grazie a questo dispositivo Bluetooth da inserire nel terriccio, si riceveranno su iPhone e iPad gli aggiornamenti in tempo reale sulle condizioni di salute di fiore e piante, compresa la necessità di acqua e altre sostanze nutritive carenti nel terreno.

Fonti: InHabitat, CNet

12 gennaio 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento