I centrifugati sono bevande naturali che si preparano, in tutte le stagioni, con frutta, verdura o anche con un mix delle due. Il procedimento della centrifuga consente di ottenere un succo ricco di minerali, vitamine e altri micronutrienti antiossidanti, abbondanti nei vegetali freschi.

La fibra, che rappresenta il prodotto di scarto, rimane ancora piuttosto morbida e ciò ne consente il facile riutilizzo per fare dolci o, ancora, per arricchire uno yogurt al naturale. Le centrifughe vanno consumate senza l’aggiunta di zucchero, invece è molto utile unire ai succhi spezie o erbe aromatiche.

=> Scopri le proprietà dei centrifugati


Tra le spezie più adatte per l’abbinamento ai centrifugati, vi è la curcuma: vediamo quali sono le proprietà di questa spezia e due ricette per realizzare centrifugati dissetanti e benefici.

La curcuma: proprietà

La curcuma è una spezia che si ottiene dalla polverizzazione della radice rizomatosa della Curcuma longa, una pianta asiatica nota da tempo anche in Occidente.

Alla curcuma sono da tempo riconosciute diverse proprietà fitoterapiche e, in medicina naturale e ayurvedica, è un noto rimedio depurativo e detossificante, digestivo, antinfiammatorio e antinfettivo e anche antireumatico. La curcuma riduce la formazione dei gas intestinali e la riduzione dei disturbi associati al meteorismo.

=> Scopri le proprietà della curcuma


La curcumina, il principio attivo della curcuma, è da tempo considerata efficace nella riduzione del rischio di soffrire di malattie anche gravi, come i tumori. L’attività, in tal senso, è dovuta alla sua efficacia come antiossidante. Alcuni studi confermano la sua efficacia nella prevenzione del tumore allo stomaco, all’intestino, al colon e al fegato.

La curcumina è ottima anche come ingrediente dei centrifugati, tuttavia è un principio attivo che si scioglie nei grassi, pertanto consumata solo con una bevanda base di frutta o verdura non verrebbe sufficientemente assorbita. Per favorire l’assorbimento della curcuma, è preferibile aggiungerla ai centrifugati adatti a essere consumati dopo il pasto.

Vediamo due esempi di centrifugati da arricchire con la curcuma.

Centrifugato di ananas e curcuma

Ingredienti per 2 persone:

  • 400 g di ananas fresco;
  • 10 g di rizoma fresco di curcuma.

Sbucciate l’ananas e la radice di curcuma, quindi tagliate tutto in pezzi. Centrifugate e raccogliete in due bicchieri. Servite subito.

Questo centrifugato è adatto a essere consumato dopo il pasto per le sue proprietà detossificanti e digestive. Ottimo servito a temperatura ambiente in autunno e inverno, ma anche freddo, ossia ottenuto da ananas fresco conservato in frigo prima dell’uso. In estate, dopo un pasto leggero a base di verdura fresca e formaggio fresco o pesce leggero, è anche un ottimo dissetante e remineralizzante.

Centrifugato di arancia, carota e curcuma

Ingredienti per 2 persone:

  • 200 g di arancia fresca;
  • 200 g di carote fresche;
  • 10 g di rizoma fresco di curcuma.

Sbucciate le arance, le carote e la radice di curcuma. Tagliate tutti gli ingredienti in pezzi e centrifugate. Dividete il succo ottenuto in due bicchieri e servite subito.

Il centrifugato a base di arancia e curcuma, servito dopo un pasto a base di vegetali, è perfetto per favorire l’assorbimento di ferro vegetale grazie all’elevato apporto di vitamina C. In generale, questo centrifugato è un concentrato di antiossidanti, efficaci per contrastare i danni dei radicali liberi sulle nostre cellule.

10 novembre 2016
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento