Il fatto che i delfini siano degli animali amichevoli ed estremamente comunicativi, soprattutto nei confronti dell’uomo, non è di certo un segreto. Non capita di rado, infatti, che questi mammiferi marini si avvicinino alle imbarcazioni per salutarne il passaggio, tra salti in acqua e acrobazie varie. Un filmato girato in Sudafrica, tuttavia, mostra lo stupore di trovarsi di fronte a un branco di centinaia di esemplari, un’esperienza unica già diventata virale sui social network.

Il tutto è capitato al largo di Città del Capo, dove un gruppo di persone si è recato in barca per una battuta di pesca. Giunta nelle alte acque, però, l’imbarcazione è stata letteralmente circondata da dei festosi delfini, riuniti in centinaia e probabilmente incuriositi dall’incontro con il natante. Il filmato, condiviso dall’utente YouTube Robbie Ragless, ha conquistato i navigatori di mezzo mondo, per una rapida condivisione sulle piattaforme social.

Intervistato da Eyewitness News, l’autore ha spiegato come i delfini siano improvvisamente apparsi attorno a mezzogiorno, in una danza frenetica fatta di salti e giochi d’acqua:

Abbiamo visto del movimento all’orizzonte, ma non avevamo idea di cosa stesse per raggiungerci. Ci si siamo trovati nel bel mezzo del gruppo di delfini, è stato abbastanza spettacolare. Non so nemmeno quanti realmente fossero, abbiamo pensato forse un centinaio, ma potrebbero essercene stati addirittura di più.

La sequenza riportata nel filmato è davvero unica nel suo genere ed è forse questa la ragione che ha reso il video così popolare sui social network. In qualsiasi direzione l’inquadratura riprenda, infatti, si distinguono chiaramente decine e decine di esemplari, per un’estensione di parecchi metri dalla piccola imbarcazione. Al momento, non è data sapere l’origine di uno dei gruppi più numerosi avvistati dall’uomo, né la loro direzione. I delfini sono animali fortemente sociali, con branchi ben organizzati e basati su un complesso linguaggio, non sorprende quindi si spostino solitamente in gruppo.

10 giugno 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
UPI
Lascia un commento