Presto nei cimiteri di Milano si potranno custodire le ceneri dell’animale domestico accanto al proprietario. L’iniziativa, proposta dagli uffici comunali della giunta, ha ricevuto conferma in questi giorni. Nei camposanti cittadini sarà consentita la posa di appositi recipienti, in materiale lapideo oppure in metallo, purché siano perfettamente sigillati.

Da tempo si parla in tutto il mondo della possibilità di custodire i resti di animali domestici, come cani e gatti, nelle vicinanze della tomba del proprietario. Un gesto di amore e continuità al termine della vita, per sottolineare quel legame spesso indissolubile che lega le persone agli amici a quattro zampe. Il Comune di Milano, già dallo scorso anno impegnato sul tema del cimitero per animali, ha di recente approvato il nuovo regolamento. Così spiega Rosaria Iardino, presidente della commissione consiliare Benessere:

Visto che non sono stare riscontrate, nelle normative vigenti in materia, prescrizioni che impediscano la collocazione delle ceneri di animali d’affezione nella immediate vicinanze della sepoltura del padrone defunto, questa pratica è ora possibile anche a Milano. […] Voglio ringraziare l’assessore Franco D’Alfonso e i suoi uffici per aver varato questo provvedimento, che avvicina ulteriormente Milano ai più importanti capoluoghi internazionali.

La questione dei cimiteri per animali è, come accennato, da tempo dibattuta in tutto il mondo. La soluzione delle ceneri troverebbe già applicazione in Gran Bretagna che in alcune zone degli Stati Uniti, mentre in molte città mondiali sorgono dei veri e propri campi funebri per cani e gatti, affinché i proprietari possano visitare l’animale anche dopo la scomparsa. Qualche anno fa era salita agli onori della cronaca una struttura di Shanghai, sorta per l’incredibile domanda da parte dei cittadini: tra i servizi offerti, una lunga serie di opzioni per le celebrazioni funebri, servizi differenziati per le commemorazioni con i familiari, nonché un’area apposita per operazioni qualificate di cremazione.

14 aprile 2015
Fonte:
Via:
Lascia un commento