I cellulari non provocherebbero alcun rischio riconosciuto per la salute. A sostenerlo un recente studio UK, della durata di 11 anni, finanziato in collaborazione dal governo britannico e da alcuni produttori di telefonia mobile.

Dai cellulari nessun pericolo accertato, secondo il “Mobile Telecommunications and Health Research programme”, dal punto di vista della salute.

Non risulterebbero prove, sostengono i ricercatori, che dall’utilizzo dei telefonini deriverebbero rischi legati a patologie tumorali o leucemia infantile derivata da esposizione ai dispositivi delle donne durante la gravidanza. Come spiega il professor David Coggon, alla guida del Mobile Telecommunications and Health Research programme (MTHR):

Quando il MTHR fu attivato per la prima volta ci furono molte incertezze scientifiche circa i possibili rischi per la salute derivati da telefoni cellulari e tecnologia correlata.

Questo programma indipendente è adesso completo e nonostante la ricerca esaustiva non abbiamo riscontrato prove di rischi per la salute dalle onde radio prodotte dai telefoni cellulari o dai loro ripetitori.

Lo studio sembrerebbe avvalorare un lavoro del 2011 pubblicato dall’Imperial College of London, mentre smentirebbe le recenti ricerche e gli avvisi diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) degli ultimi anni. Qualche dubbio resta tuttavia in merito all’indipendenza di un programma di ricerca che vede tra i finanziatori gli stessi produttori di telefonia cellulare.

17 febbraio 2014
Fonte:
I vostri commenti
roberto, venerdì 14 novembre 2014 alle8:05 ha scritto: rispondi »

ma come credere ad una tipologia di studi finanziati dagli stessi produttori controllati e controllori sono gli stessi

Sergio, martedì 18 febbraio 2014 alle11:32 ha scritto: rispondi »

Oste, com'è er vino? Bonoo!! Uno studio finanziato da alcuni produttori di telefonia mobile con la lobby politica a supporto. Nulla di nuovo.

Lascia un commento