Prodotti senza glutine possono contenere sostanze non salutari. Gli alimenti indicati per i celiaci hanno evidenziato, in seguito alle analisi condotte presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Torino, alcuni punti sui quali sarà necessario riflettere con attenzione secondo i ricercatori.

Se da un lato i prodotti per celiaci hanno confermato la corretta formulazione in termini di assenza di glutine, da un altro hanno portato i ricercatori a porsi ulteriori domande in merito alla loro composizione. Come ha osservato Maria Caramelli, direttrice dell’Istituto:

Il glutine è la proteina che riesce a dare struttura e coesione ai farinacei. Il nostro lavoro, condotto su un alto numero di campioni, ci ha permesso di dare una prima risposta rassicurante: negli alimenti da noi esaminati le soglie stabilite dalla legge sono state rispettate, e il glutine è presente nelle percentuali previste dalla legge. Come spesso accade, lo studio ha però portato ad altre domande.

Oltre a mostrare una maggiore quantità di conservanti e olio di palma, i prodotti senza glutine dimostrano essere dei cibi assai poco salutari per coloro a cui l’intolleranza al glutine non è stata diagnosticata. Come ha concluso la stessa Caramelli:

Chi non ha un’intolleranza al glutine diagnosticata e sceglie gli alimenti privi di glutine perché pensa siano più salutari sbaglia. Ci sono moltissimi zuccheri, come si può vedere dalle etichette che spesso li riporta al primo posto. Poi troviamo addensanti, gomme, idrocolloidi e aromi che non vengono nemmeno specificati. Non sono di per sé nocivi, ma il problema è la ripetitività dell’esposizione.

14 luglio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento