Celiachia: in Piemonte tessera sanitaria per ritirare i prodotti

Una novità importante arriva per tutti coloro che soffrono di celiachia e che sono residenti in Piemonte. In base ad una delibera dell’assessore regionale, per ritirare i prodotti presso quei negozi specializzati o quelle farmacie che vendono cibi confezionati appositamente per celiaci, basterà semplicemente la tessera sanitaria.

=> Leggi perché la paura del glutine è spesso infondata

Non si farà più ricorso ai buoni cartacei per acquistare i prodotti senza glutine. Arriva un nuovo sistema digitalizzato, che fa parte di un piano che ha l’obiettivo di semplificare la procedura. Più di 13 mila persone che soffrono di celiachia hanno diritto all’esenzione e quindi hanno a disposizione un rimborso mensile per i prodotti che devono inserire all’interno della loro alimentazione.

Fino ad ora i cittadini che volevano usufruire del rimborso dovevano recarsi periodicamente presso le strutture dell’Asl per ritirare i buoni in formato cartaceo. Adesso, con l’approvazione della delibera regionale, si è strutturato un percorso digitale che semplifica molto il lavoro, sia per il sistema sanitario che per i cittadini.

=> Scopri il grano antico con glutine digeribile che previene la celiachia

Le Asl abiliteranno le persone attraverso un PIN. Basterà utilizzare questo codice segreto insieme alla tessera sanitaria, sulla quale sarà caricato il rimborso mensile. Una vera comodità, che intende seguire la linea dell’innovazione. L’assessore alla Sanità Antonio Saitta ha fatto presente che:

Si tratta di un esempio di come la digitalizzazione di tutte le procedure costituisca un passaggio fondamentale per la sanità pubblica, a cominciare dall’attuazione del Fascicolo sanitario elettronico.

Questo sistema digitale sarà attivato in maniera molto ampia, coinvolgendo tutti gli esercizi commerciali che vendono i prodotti per la celiachia, in modo che ciascuno degli acquirenti possa scegliere il percorso più conveniente.

Si comincerà dal mese di luglio, anche se è stato chiarito che, perché il tutto possa andare a regime in maniera capillare, si dovrà aspettare l’1 gennaio del prossimo anno. Da quel momento in poi anche i supermercati e le parafarmacie saranno dotati di questo sistema digitale.

22 giugno 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento