Celiachia: paura glutine spesso infondata secondo studio australiano

Per il glutine una paura infondata che spinge molti consumatori a spese non richieste. A fare il punto su quella che è la tendenza a ricorrere a prodotti “gluten-free” anche se non si è affetti da celiachia è uno studio australiano condotto dai ricercatori della University of Newcastle, guidati nella ricerca da Michael Potter in forza allo Hunter Medical Research Institute.

=> Leggi la denuncia AIC sull’abuso di prodotti senza glutine

Una paura infondata secondo i ricercatori, che attraverso alcuni test hanno verificato la reale condizione di un gruppo di cittadini australiani. Dai risultati è emerso che appena il 16% di coloro che affermavano di soffrire di celiachia risultavano effettivamente tali dopo le opportune indagini cliniche. Lo studio è stato pubblicato sul Medical Journal of Australia.

=> Scopri i rischi di osteoporosi legati a una dieta senza glutine non richiesta

A preoccupare secondo i ricercatori è la possibilità che una simile dieta possa risultare, quando non richiesta dalle proprie condizioni fisiche, controproducente per l’organismo stesso. Come hanno affermato gli stessi studiosi:

Diversi studi hanno dimostrato che le diete prive di glutine non forniscono i necessari quantitativi di sali minerali e vitamine come calcio e vitamina D.

Una dieta gluten-free può influire negativamente su fattori di rischio cardiovascolari come i livelli di colesterolo totale, l’aumento di peso in prospettiva obesità, intolleranza al glucosio e pressione del sangue.

In futuro andranno inoltre condotte ulteriori ricerche, sottolineano in chiusura gli studiosi, per affinare ulteriormente i test e distinguere la celiachia vera e propria dalla semplice sensibilità al glutine o al grano. In questi ultimi due casi la condizione sembra essere transitoria e necessita quindi di trattamenti e accorgimenti differenti da quelli previsti per i soggetti celiaci, con la possibilità di seguire una dieta gluten-free solo per brevi periodi.

5 settembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento