I funzionari della Lancaster County SPCA sono intervenuti in soccorso di un cavallo anziano, trovato in condizioni di evidente disagio e sofferenza. L’animale, di sesso femminile, è stato recuperato in una stalla a New Holland a Lancaster County in Pennsylvania, completamente abbandonato al suo destino. Ciò che ha sconvolto i soccorritori è stata la condizione al momento del suo ritrovamento: l’animale denutrito e cieco da un occhio era completamente ricoperto di vernice. La cavalla era stata utilizzata come bersaglio per il paintball, una pratica ludica che prevede l’utilizzo di palline di gelatina ricolme di vernice, sparate da appositi strumenti ad aria compressa. I colori presenti sul corpo dell’animale fanno pensare sia stata travolto da più di 100 colpi sparati a una velocità notevole.

La povera cavalla, ribattezzata Lily, è un esemplare di circa 20 anni di razza araba che ora è sotto le cure vigili dello staff del New Bolton Center. Ricoverata in una stalla singola in isolamento, può contare anche sulle visite della Facoltà di Veterinaria dell’Università della Pennsylvania. La sua condizione di cecità all’occhio destro deve averle impedito di visualizzare l’arrivo dei colpi, quindi di trovare un rifugio e un riparo al momento dell’attacco. L’animale, forse rinchiuso in uno spazio angusto, ha solo potuto subire la violenza delle palline di vernice. Lilly verrà sottoposta a un’operazione chirurgica quindi sarà ospite del centro per due settimane.

Nel frattempo Sue Martin, direttore esecutivo della Lancaster County SPCA, sta conducendo le indagini e spera di intercettare il proprietario della cavalla. Così da risalire alle dinamiche che hanno portato alla condizione di sofferenza in cui è stata trovata. La SPCA confida nel supporto della comunità e in eventuali dichiarazioni spontanee, per individuare la cronologia degli eventi e assicurare alla giustizia i responsabili dell’azione violenta. Nel frattempo Lily verrà seguita e curata adeguatamente, sia nel corpo che nell’animo ferito.

24 marzo 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento