È stato un incontro davvero insolito, quello vissuto pochi giorni fa da un automobilista ungherese. Mentre si trovava in autostrada, infatti, è stato costretto ad accostare a margine della carreggiata, per lasciare libero il passaggio ad alcuni singolarissimi viaggiatori: una mandria di cavalli, pronti a cavalcare in contromano. Estratto lo smartphone, il guidatore ha ripreso la scena in video, per poi condividerla sulla piattaforma YouTube: il filmato è divenuto immediatamente virale.

Il tutto è accaduto sull’autostrada che collega Pecs a Budapest: all’improvviso, un gruppo di almeno 13 cavalli si è palesato sulle corsie normalmente trafficate, transitando in senso opposto rispetto a quello di marcia. Sembra che le autorità, tuttavia, fossero già al corrente della situazione, poiché dal video si apprende come la circolazione fosse stata già sospesa, nonché delle sirene pronte ad avvisare gli automobilisti del possibile pericolo.

=> Scopri il santuario per i cavalli anziani e sfruttati


Al momento, non è noto come i cavalli siano riusciti a raggiungere l’autostrada, né da dove provengano, poiché un resoconto completo dell’accaduto pare non sia ancora disponibile. In ogni caso, gli animali avanzano nella direzione opposta rispetto a quella di marcia, galoppando a grande velocità. Gli esemplari mostrano manti dai colori più disparati, tra lunghe criniere bionde, mentre un rappresentante più piccolo, forse un puledro, raggiunge il resto del gruppo mantenendo una certa distanza.

=> Scopri la mandria di cavalli sulla strada trafficata


Il filmato in questione, così come già accennato, è stato ripreso da un automobilista, Balazs Berkecz, per poi essere pubblicato su YouTube e sulle piattaforme social. Data la scena davvero insolita, nonché lo spettacolo di questi splendidi esemplari pronti a cavalcare a grande velocità, ha permesso al contenuto di divenire immediatamente virale in Rete, nonché di essere ripreso da numerose agenzie di stampa a livello internazionale.

29 maggio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
UPI
Lascia un commento