Si chiama Tashirojima ma è stata ribattezzata Cat Heaven Island: è una piccola isola giapponese popolata da un numero spropositato di gatti. Il quantitativo è così elevato che supera i residenti del luogo, quasi tutti pescatori. L’incredibile popolazione felina è meta di turismo e curiosi, tanto che sempre più estimatori si spostano verso l’isolotto per osservarli, visitarli o semplicemente immortalarli.

E ciò che ha fatto il fotografo Fubirai che, di passaggio per Tashirojima, ha catturato delicate immagini di vita quotidiana. I 100 abitanti del piccolo isolotto si occupano personalmente di sfamare e accudire la popolosa colonia di felini, convivendo con essa in modo pacifico e sereno. Secondo le credenze popolari dei pescatori, i gatti sarebbero in grado di predire i cambiamenti metereologici e sfamare un felino potrebbe portare fortuna.

L’incredibile branco di gatti si è costituito lentamente nel tempo: importati in numero esiguo durante la produzione della seta, i felini avevano il compito di tenere i topi lontani dai bachi e dalle fattorie. Con la conclusione della produzione, sull’isola giapponese rimase una piccola comunità di pescatori e di gatti, liberi di riprodursi e moltiplicarsi senza limiti.

Padroni assoluti i felini si aggirano lungo le strade, le spiagge, i centri di aggregazione, nei giardini delle case e spesso anche al loro interno. Amati e apprezzati sono una tenera compagnia per i pochi abitanti, che ne conservano intatta la salute e l’agilità. Poco ben visti i cani, assenti giustificati in un territorio dove i felini sono simbolo di saggezza, fortuna e ricchezza. La Cat Island per similitudine ricorda la spiaggia di Su Pallosu in Sardegna, dove la colonia felina locale è stata proposta per la tutela del FAI.

27 novembre 2013
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento