Cassazione: maltrattamento lasciare il cane solo per più giorni

Lasciare da solo il cane per più giorni, ad esempio durante una breve vacanza, è maltrattamento a tutti gli effetti. È quanto ha stabilito la Cassazione respingendo il ricorso di una proprietaria di un quadrupede, a seguito di un sequestro preventivo dell’animale disposto dal Tribunale di Chieti. La donna sembra si fosse allontanata per due settimane lasciando il quadrupede in giardino, seppur con cibo e acqua a disposizione, così come riferisce il quotidiano Il Sole 24 Ore.

Secondo le ricostruzioni apparse sul quotidiano, la proprietaria si sarebbe allontanata da casa per circa due settimane, lasciando a disposizione del quadrupede acqua e cibo in abbondanza. Tuttavia, lo stato di solitudine del cane aveva attirato l’attenzione di diversi passanti, i quali avevano provveduto alle necessità dell’animale attraverso le grate del cancello del cortile. Respingendo il ricorso della donna, la Cassazione ha così motivato, sulla base delle testimonianze dei vicini:

=> Scopri il parere della Cassazione sul collare antiabbaio


Si era allontanata dall’abitazione nelle due settimane precedenti lasciando il cane incustodito all’interno del cortile e i passanti, impietositi dalle precarie condizioni di salute dell’animale, avevano provveduto allo stesso fornendogli cibo ed acqua attraverso le grate del cancello.

Nonostante la presenza di acqua, quest’ultima evidentemente non fornita da passanti data la presenza di un cancello, per i giudici la condizione di solitudine dell’animale è sufficiente per configurarne il maltrattamento. La proprietaria è quindi stata condannata al pagamento delle spese processuali e al versamento di 2.000 euro in favore della Cassa delle Ammende, così come sempre Il Sole 24 Ore riferisce.

=> Scopri perché non rasare il pelo del cane in estate


È utile ricordare come, in caso ci si debba allontanare per una vacanza senza la possibilità di portare l’animale in viaggio, come esistano numerose strutture che si offrono di accogliere e curare il proprio animale domestico durante l’assenza. In quasi tutte le città italiane, infatti, esistono pensioni e servizi tematici che, a fronte del pagamento di somme variati, si occupano di tutte le necessità del quadrupede.

5 luglio 2018
Immagini:
Lascia un commento