Il cane Adam deve la sua salute al Lucky Dog Retreat Rescue in Indiana, che lo ha accolto presso la sua struttura per curarlo e amarlo. Al mix di razza Labrador dal manto nero era stata scoperta una malattia autoimmune che rendeva impossibile la vicinanza con l’uomo, o meglio con i peli e la cute dello stesso. Questi elementi scatenavano nell’animale una violenta reazione allergica, che lo costringeva a grattarsi, mordersi e graffiarsi fino a strapparsi il pelo. La prima volta che qualcuno ha posato gli occhi su Adam ha intercettato un animale sofferente, con quasi tutta la cute esposta e rossa, infiammata e lucida. Dai pori trasudava anche un liquido rosa-rossastro, mentre il cane pativa un grande dolore.

L’associazione che lo ha preso in cura pensava di risolvere la cosa con amore, pazienza, una cura mirata e una dieta precisa. Ma nulla di tutto ciò ha funzionato, quindi dopo una serie di esami specifici è emersa la problematica legata alla malattia e all’allergia. Una situazione piuttosto dolorosa e stressante che aveva portato il cane più volte a un passo dall’eutanasia. Ma grazie alla scoperta della diagnosi, l’animale ha iniziato a seguire un percorso medico preciso, una cura fatta di pastiglie e medicine che dovrà prendere per tutta la vita. Oltre a lavaggi particolari da effettuare ogni 3 giorni con prodotti appositi.

Adam, che ora è stato adottato da Beth Weber, ha visto ricrescere buona parte del suo manto a eccezione di piccole zone. Con il supporto di un team composto da un dermatologo e da un veterinario in grado di fornire un vaccino nei momenti più complessi, il cane è riuscito a superare un anno complesso. Anche se l’animale è ancora allergico alla pelle umana, oltre che alle noci, alcuni insetti e ai peli dei gatti, ora riesce a condurre un’esistenza più serena e meno deprimente. I rimedi utilizzati aiutano il suo corpo e la sua pelle, quindi il suo sistema immunitario a riconoscere il problema e a tollerarlo.

14 luglio 2015
Fonte:
Lascia un commento