Casa-yacht 100% elettrica anti uragano: prime consegne a inizio 2019

Il gruppo ARKUP ha presentato una vera e propria casa galleggiante, uno yacht elettrico semovente le cui caratteristiche saranno illustrate nell’ambito del Miami Yacht Show. Il progetto da tempo è molto atteso e la società produttrice fa sapere che già la sua costruzione è arrivata a buon punto.

Il team di gestione adesso si pone l’obiettivo di trovare nuovi clienti e di rintracciare potenziali partner in ambito commerciale. La casa galleggiante elettrica è completamente vivibile e presenta delle peculiarità davvero uniche. È stata progettata internamente e completamente attrezzata.

=> Scopri le navi elettriche alimentate con energie rinnovabili

Si prevede che il suo completamento sarà realizzato nel mese di giugno. I primi ordini dovranno essere pronti per la consegna all’inizio del 2019. Questa casa galleggiante strutturata su un vero e proprio yacht elettrico offre un’opportunità di vivibilità e di mobilità sostenibile, nel pieno rispetto dell’ambiente.

La compagnia di produzione sta già prendendo accordi con i porti turistici, per sviluppare delle vere e proprie strutture galleggianti di prossima generazione. Il progetto prevede la realizzazione di una casa galleggiante di due piani e 400 metri quadrati, che poi i clienti possono personalizzare in base alle loro esigenze.

=> Scopri Gen2, l’auto elettrica per la Formula E

All’interno lo yacht elettrico presenta moltissimi comfort ed è attrezzato con un tetto dotato di pannelli solari, in grado di rifornirlo di energia pulita. La casa galleggiante di ARKUP ha dei motori che riescono a farla navigare fino ad un massimo di 7 nodi di velocità.

Quando il mare è calmo la villa galleggiante può essere estesa in tutta la sua area. Con condizioni meteo più avverse può essere aperta soltanto una parte, anche se la compagnia di produzione assicura che lo yacht è in grado di restare saldo perfino in presenza di venti che soffiano a 250 chilometri orari.

2 febbraio 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento