Carrellino in mattoncini per la tartaruga ferita

Un accessorio speciale per una tartaruga ferita, pensato per rendere più agevole ed efficace il periodo della convalescenza. È questa la singolare iniziativa che ha coinvolto una testuggine statunitense, rinvenuta con gravi fratture alla porzione posteriore del suo guscio. I suoi salvatori, lo staff del Maryland Zoo, non si sono però dati per vinti e hanno creato per l’animale un comodo carrellino, costruito con i classici mattoncini Lego.

La tartaruga è stata trovata da alcuni dipendenti dello zoo, mentre si avventurava in un parco di Baltimora. L’animale presentava diverse fratture alla porzione posteriore del suo guscio e, sebbene i veterinari del centro siano riusciti a curarla, è subito sorto un problema non da poco: data la posizione delle ferite, infatti, è emerso il rischio che la testuggine potesse inficiare la fase di guarigione, urtando il guscio stesso sul suolo durante la camminata. Così è nata l’idea di realizzare un carrellino che, contemporaneamente, garantisse capacità di movimento mantenendo l’area medicata sollevata da terra. Così ha spiegato lo zoo:

=> Scopri le tartarughe uccise dalla plastica


A causa della posizione unica della frattura, abbiamo avuto difficoltà nel mantenere la mobilità della tartaruga garantendo, al contempo, una corretta guarigione.

Il team veterinario, con l’aiuto di un appassionato in mattoncini, ha quindi costruito un carrellino casalingo, facile da realizzare e del tutto efficace. La tartaruga non ha manifestato alcun segno di stress nell’indossare l’accessorio ed è tornata immediatamente a camminare, senza nessun intoppo. Ora potrà quindi spostarsi senza compromettere la sua guarigione: il carrellino dovrebbe servire fino alla prossima primavera.

=> Scopri la tartaruga protetta con fibra di vetro


Non è la prima volta che varie tartarughe vengono aiutate con strumenti realizzati con i mattoncini, tra cui rotelle e gusci, mentre qualche tempo fa è balzato agli onori della cronaca il caso di un esemplare ormai privo di guscio, ricostruito completamente con la stampa 3D.

28 settembre 2018
Fonte:
UPI
Immagini:
Lascia un commento